Il Volo con la sfiga

La trascurabile strizza di Gianluca Ginoble

Maurizio Crippa

Email:

crippa@ilfoglio.it

Il trio Il Volo alla tv americana

Il trio Il Volo alla tv americana (foto LaPresse)

Se le arti malefiche di Donald Trump, che già prima di giurare sulla Bibbia di Lincoln hanno avuto l’efficacia di stecchire Fidel Castro, di terremotare la Nato, di far piangere come un vitello Obama e indurre una persona seria come Wole Soyinka a strappare la sua green card avranno la forza di abbattersi vendicatrici sulle tutte le star che hanno declinato i suoi inviti alla festa, lo scopriremo forse oggi. Ma la strizza che ha fatto prendere a Gianluca Ginoble, uno dei tre del Volo, è un buon indizio. L’ensemble per qualche misterioso motivo famoso aveva declinato: “Abbiamo rifiutato il suo invito perché non siamo mai stati d’accordo con le sue idee: non possiamo appoggiare un uomo che ha basato la sua ascesa politica sul populismo oltre che su atteggiamenti xenofobi e razzisti”. Ma ieri Gianluca Ginoble era sotto choc, “dovevo essere all’hotel Rigopiano in questi giorni. Sono scampato per miracolo alla tragedia ma sono disperato per quello che è accaduto e per i morti, era un posto meraviglioso”. Chissà se è superstizioso, molti artisti lo sono. Ma ecco, se invece del relax a Rigopiano avesse accettato l’invito di The Donald, adesso non sarebbe lì, a condividere col mondo attonito la sua trascurabile strizza, quasi un insulto per quelli che sotto la slavina c’erano davvero.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Denaromy

    20 Gennaio 2017 - 12:12

    Come ha scritto una bravissima giornalista e scrittrice nel suo blog: “Una delle tecniche più usate dai giornalisti per manipolare l’opinione pubblica e spingerla a detestare un personaggio conosciuto è quella di distorcere le sue parole oppure estrapolarle dal contesto per attribuirgli un significato diverso da quello voluto dall’autore e farlo apparire odioso. Purtroppo, il più delle volte funziona e loro lo sanno bene, perché la gente si limita a leggere i titoli dei giornali. Infatti basterebbe leggere l’intera frase di Gianluca Ginoble: “ Sono disperato per quello che è successo, il proprietario è un mio amico» per farsi un’idea completamente diversa da quella suggerita dall’autore di questo articolo (che sembra più un bilioso “hater” che un giornalista). Come disse Enzo Ferrari “Dietro al successo ci sono lunghe notti, tante prove, tante fatiche, tante delusioni, ma gli italiani non lo considerano […] perdonano tutti, i ladri, gli assassini, i delinquenti di tutti i tipi, trann

    Report

    Rispondi

Servizi