Colli diversi

Lo smanicato bianco a collo alto con perle sul davanti dello stilista Ermanno Scevrino indossato da Lady Agnese la fatal notte non sia piaciuto ai troll dei social

Colli diversi

Agnese Renzi (foto LaPresse)

Cogliendo fior da fiore: “C’erano 18 gradi, ’ndo vai col maglione a collo alto?”. “Odio? perché? Qualsiasi insegnante ha nel guardaroba un maglione da 700 euro”. “Più che il maglione, sono i milioni sprecati da suo marito”. “Il maglione di Agnese Renzi stile casalinga di montagna è uno Scervino”. “Come fa a permetterselo con lo stipendio da insegnante eh?”. “Nemmeno il maglione si è cambiata. Poraccia”.

Dunque pare che lo smanicato bianco a collo alto con perle sul davanti dello stilista Ermanno Scevrino indossato da Lady Agnese la fatal notte (ma apprendiamo anche la fatal mattina, e dunque è poraccia o spendacciona, decidetevi) non sia piaciuto ai troll dei social, abbia scatenato “odio”, dice il Corriere. Anche se poi, avendo avuto la pazienza di scrollare un po’ di tuit, a occhio erano più quelli che dicevano: “Internet è quel fantastico mondo in cui si critica un maglione da 700 euro scorrendo le dita su un nuovo iPhone7”. Si potrebbe obiettare che un iPhone7 non lo indossi solo una notte d’inverno e di dimissioni nella vita, lo usi tutti i santi giorni feriali, e non infeltrisce. Ma non quello è il punto. Il punto è. Uno come Dario Franceschini, che pure ama il collo alto, ma nero che fa esistenzialista, col lavoro che fa, con quell’aria da fratacchione che si ritrova, e senza scomodare la famosa battuta da sacrestia sul come si finanziano i salesiani: ecco, uno come Franceschini, dove li trova i soldi per permettersi tutta la tela che sta tessendo contro Renzi?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    11 Dicembre 2016 - 00:12

    Ce e fossero di ladies come la Signora Agnese. Ne dovremmo essere orgogliosi. Quello che non vorremmo avere sono i tramatori ma, purtroppo ne abbiamo abbastanza.

    Report

    Rispondi

  • GianniM

    10 Dicembre 2016 - 18:06

    Un maglione di lana vergine di buona qualità (come si suppone sia quello indossato dalla signora Renzi), lavato con cura (la stessa che le persone non superficiali mettono in tutte le loro attività quotidiane), NON infeltrisce. Dura molto più che i due anni scarsi di un iPhone7 condannato all'obsolescenza programmata. Tiene caldo (molto più delle felpe sdrucite in caldo-cotone-misto-sintetico, che si rovinano e devono essere gettate via ben prima). E, soprattutto, definisce il modo di pensarsi, di piacersi, di presentarsi; molto di più che una protesi tecnologica la cui "utilità" è moltiplicata esponenzialmente dalla compulsione.

    Report

    Rispondi

  • Dario

    Dario

    10 Dicembre 2016 - 15:03

    Comunque l'Iphone 7 in molti guardaroba infeltrisce anche prima della maglia di Agnese Landini.

    Report

    Rispondi

Servizi