Ma che brutta chiesa

Il Daily Telegraph ha buttato giù la classifica (gallery) delle ventitré chiese più belle del mondo, e per l’Italia ha citato soltanto la Cappella Palatina di Palermo (quattordicesimo posto)

Cappella Palatina di Palermo

La Cappella Palatina di Palermo

Che Papa Francesco si sia effettivamente dimenticato di ringraziare Virginia Raggi, sindaco, per il buon esito del Giubileo, o che l’abbia fatto a bella posta, o che si sia banalmente uniformato al “Virginia Raggi chi?” che ogni romano sente in cuor suo, in fondo significa poco. Tanto, stavano tutti nella Sala Clementina, in Vaticano, di fianco a quel brutto chiesone di periferia che si chiama San Pietro, a due passi da quella insignificante chiesetta che è la Cappella Sistina. Quel che conta, simbolicamente, è che Roma non è poi più tanto una cosa importante per la chiesa cattolica periferica e delocalizzata. Non hanno nemmeno una bella chiesetta che rappresenti in degno modo l’istituzione. Ne fa fede il Daily Telegraph, che ha buttato giù la classifica (gallery) delle ventitré chiese più belle del mondo, e per l’Italia ha citato soltanto la Cappella Palatina di Palermo (quattordicesimo posto). E forse davvero San Giovanni in Laterano è un baraccone un po’ così, e San Vitale a Ravenna un’operina di scarso ingegno. E in effetti la Sagrada Familia a Barcellona è un capolavoro, e la chiesa fortificata di Virsci in Romania pure quello. Ma la Hallgrímskirkja in Islanda, per favore. E la Thorncrown Chapel a Eureka Springs, Arkansas, suvvia. C’è senz’altro un pizzico di sciovinismo, e di eterno anti-papismo, nel punto di vista estetico del giornalone britannico, ma forse a Francesco non sarà nemmeno dispiaciuto. Se volevano far capire che il cristianesimo non è una forma d’arte tipica del Belpaese, ci sono riusciti. Ad abbattere le chiese di Roma, probabilmente, ci riuscirà Virginia Raggi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Mercurio 8

    Mercurio 8

    29 Novembre 2016 - 12:12

    Evidentemente, l’articolista è di quelli che credono che l’Italia contenga “il 90% del patrimonio artistico del mondo”. Nemmeno l’Unione Sovietica osava simili baggianate. Non voglio polemizzare ma segnalare, tra le chiese elencate (non ‘classificate’), la Thorncrown Chapel di Eureka Springs. Un’eminente personalità della Chiesa, il Cardinale Ravasi, ha notato la scarsa spiritualità delle “chiese moderne”. Uso le virgolette perché aveva in mente certi capannoni che non sono né chiese né moderne. La Thorncrown Chapel esprime una spiritualità altissima. Dall’interno, evoca la Sainte Chapelle di Parigi, per l’assenza di “muri”; per l’importanza straordinaria data alla luce. Risale a tempi primordiali con un linguaggio attualissimo: un inno alla ricongiunzione con il “Creato”. Lo dico da non credente.

    Report

    Rispondi

    • Mercurio 8

      Mercurio 8

      30 Novembre 2016 - 11:11

      PS del non credente. “Creato” equivale a “Creatore”, in una prospettiva di superamento della dicotomia Soggetto-Oggetto, immaginabile anche da un “non credente”. Corrisponde al livello superiore dell’approccio “sistemico”, oppure “olistico”, nel quale si scoprono simili congetture onto-epistemologiche.

      Report

      Rispondi

Servizi