Che gran successo la Misericordia dislocata di Francesco

La prossima super Luna la vedremo tra 18 anni, il 25 novembre 2034 per la precisione. Entro quella data, col trend attuale, ci saranno già stati un paio di Giubilei, tra ordinari e straordinari. Le Porte Sante di quello della Misericordia indetto, out of the blue, da Francesco si sono chiuse, manca
Che gran successo la Misericordia dislocata di Francesco

La prossima super Luna la vedremo tra 18 anni, il 25 novembre 2034 per la precisione. Entro quella data, col trend attuale, ci saranno già stati un paio di Giubilei, tra ordinari e straordinari. Le Porte Sante di quello della Misericordia indetto, out of the blue, da Francesco si sono chiuse, manca solo quella di San Pietro. E, in attesa degli uscieri coi catenacci, è tutto un far di conto, nonché un piagnucolare capitolino, su quanto l’Anno Santo sia stato un flop. Soprattutto per osti e albergatori. Venti milioni a Roma, certifica il vescovo delegato al pallottoliere Rino Fisichella, e sono in effetti meno del previsto, meno dell’anno 2000. In più, quei birboni dei pellegrini mangiavano panini e dormivano Airbnb.

 

Così l’inedita accoppiata di operatori turistici e contestatori di Bergoglio, eccola a fare buuhh. Nessuno dice, però, che le Porte Sante nel mondo erano quasi diecimila, dal Polo nord all’Equatore. Da Bangui hanno fatto prima a non venire, e pure in galera lo si poteva lucrare. Io, ad esempio, ho passato la mia Porta Santa alla Madonna di Caravaggio, via dalla pazza folla. Quando si tireranno meglio i conti (ma basterebbe già ora leggere i resoconti), si scoprirà che la Misericordia dislocata ha accarezzato più teste e cuori del previsto. Ma soprattutto questo: Cristo è romano, ma il Papa vive in foresteria. E il cristianesimo non è più roba italiana, né dell’occidente ricco e frequent flyer. Vive in altri mondi, spesso cammina a piedi. Anche questo Francesco ha voluto dire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi