Due tuìt sulla Leopolda e un problema più generale

Siccome sono spericolato, mi fido molto dei tweet di Annalisa Chirico. Specialmente se li rituitta Christan Rocca, di cui mi fido ciecamente (ad ogni Election day, diciamo, e se non parla di Moggi).
Due tuìt sulla Leopolda e un problema più generale

Matteo Renzi alla Leopolda (foto LaPresse)

Siccome sono spericolato, mi fido molto dei tweet di Annalisa Chirico. Specialmente se li rituitta Christan Rocca, di cui mi fido ciecamente (ad ogni Election day, diciamo, e se non parla di Moggi). Ieri @AnnalisaChirico ha tuittato: “Per la cronaca, visto che c’ero, il ‘fuori fuori’ è durato 5 secondi, ed è stato subito sedato dallo stesso Renzi. Polemiche sul nulla”. E @christianrocca ha aggiunto il carico: “Io non c’ero, ma ho guardato il video della vergogna e non si sente nessun coro”. Io alla Leopolda mi appassiono così tanto che, bislacco per bislacco, nel weekend ho seguito solo il casting per l’allenatore dell’Inter. Però conosco i giornali, e mi fido dei tweet citati. Con una considerazione di carattere generale.

 

Un tempo i partiti avevano la dogmatica dell’unità interna: tessere e correnti a quello servivano. L’innovazione di cui va dato atto a Renzi (o aveva già iniziato Veltroni?) è di aver introdotto il concetto di partito contendibile. Si dà voce alla propria costituency, si pone un programma, si fanno persino le primarie, coi cinesi o no. Un partito all’americana, si dice. Là persino Bernie Sanders, persa la nomination, decide di votare Hillary. E’ moderno, è una buona idea. Intelligente. Soltanto che, sarà colpa di Renzi, di Bersani, o del Cav., in Italia l’esito del processo è stato che non sono nati partiti contendibili, ma partiti leaderistici: e lì o ci stai o sei fuori. Anche se nessuno lo grida. Nell’alambicco che doveva sublimarci dalla Prima alla Terza Repubblica, qualcosa non ha funzionato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi