L’acuta stampa estera in Italia ci dà la sveglia. Ronf

Poiché al Sole 24 Ore, il nostro adorato quotidiano salmone per le merchant bank che parlano solo italiano, hanno altro da fare che stilare il consueto appello “FATE PRESTO”, ci hanno pensato i guru della stampa estera a sfoderare un imperdibile “ITALIA SVEGLIATI”.
L’acuta stampa estera in Italia ci dà la sveglia. Ronf

(immagine di Floriana via Flickr)

Poiché al Sole 24 Ore, il nostro adorato quotidiano salmone per le merchant bank che parlano solo italiano, hanno altro da fare che stilare il consueto appello “FATE PRESTO”, ci hanno pensato i guru della stampa estera a sfoderare un imperdibile “ITALIA SVEGLIATI”. Si sono radunati alla John Cabot University, e hanno allegramente pontificato sul Belpaese. Con l’acume consueto dei loro punti di vista informati. Fior da fiore, un breve sunto: “In Italia c’è sempre un governo nuovo o sul punto di cadere. Quando mi chiedono ‘da quanto sei qui?’, rispondo ‘da 16 governi’”, ha esordito Tobias Piller, corrispondente del Faz. “Ogni volta che vengo qui sembra che il paese stia per crollare. Mi colpiscono i figli dei miei amici: vogliono frequentare scuole di lingue per uscire dall’Italia. E’ scioccante”, ha detto Crispian Balmer della Reuters. “I Cinque stelle sapevano che stavano per prendere la città, ma non erano preparati, è sorprendente”, ha acutizzato Alvise Armellini della Deutsche Presse Agentur. “Il 4 dicembre sarà un giorno cruciale per l’Europa”, è la divinazione di Gaia Pianigiani del New York Times. La tavola rotonda “QUALE PIZZA, QUALI MANDOLINI?”, la prossima volta. Quando ci saremo svegliati da questa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi