“E quando faranno le donne prete, suonerò il can can”

Se il Molise non ci fosse bisognerebbe inventarlo, con referendum costituzionale. Se non altro perché a Carovilli, Isernia, c’è il parroco don Mario Fangio.
“E quando faranno le donne prete, suonerò il can can”

Le campane della chiesa di Carovilli

Io non sono per insultare il Molise, come Nina Moric, e neppure per mortificare l’amena regione come ha fatto Renzi da Fabio Fazio. Anzi dichiaro che se il Molise non ci fosse bisognerebbe inventarlo, con referendum costituzionale. Se non altro perché a Carovilli, Isernia, c’è il parroco don Mario Fangio. Talento creativo, par di capire. Ha deciso di unirsi al festoso giubilo per la nascita delle unioni Cirinnà con una performance d’altri tempi: ha fatto suonare le campane a morto per celebrare “il funerale del matrimonio tradizionale”. E siccome don Mario è un parroco che sente l’odore delle sue pecore, come piace al Papa, per essere sicuro di farsi capire bene ha esposto pure un cartello: “Le campane a morto annunciano con dolore che SONO MORTI IL MATRIMONIO E LA FAMIGLIA secondo natura tra uomo e donna”. Credo sia per uomini così, che Dio ha creato il Molise. Però poi, mi chiedo: lo avranno avvisato che Francesco, nel frattempo, vuole le donne diacono? Che farà il prevosto, quando faranno le donne prete? Suonerà il can can?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi