La nuova casa di Sandro e Manuela, amore e trolley

Dove eravamo rimasti? Sotto le feste, le coppie che non scoppiano di solito partono. Sandro Bondi e Manuela Repetti non scoppiano, si amano, dunque partono. Dove li avevamo lasciati?

Dove eravamo rimasti? Sotto le feste, le coppie che non scoppiano di solito partono. Sandro Bondi e Manuela Repetti non scoppiano, si amano, dunque partono. Dove li avevamo lasciati? Solo una manciata di mesi fa avevano inforcato i trolley e salutato l’Amor Loro, quello con le maiuscole, quello di una vita, il Cavaliere insomma, ed erano trasmigrati nel Gruppo Misto, il confortevole motel del Parlamento, altro che quella bolgia umana che era diventato il grand hotel Forza Italia. Ma anche lì, ormai: un viavai, gente che parte, gente che non sa ma intanto lascia i bagagli. Più che misto, è diventato vieppiù un posto promiscuo. Così Bondi e Repetti, che fanno politica mica da turisti, hanno trovato una nuova casa. Speriamo l’ultima della legislatura. E’ l’accogliente Casa Verdini, detta anche, pomposamente, Alleanza Liberalpopolare Autonomie. Un po’ barocca, come piace al patron. Non è una scelta last minute, la coppia per tempo vede e provvede: in fondo si viaggia per lavoro, no? “Questa decisione rappresenta una logica e naturale conseguenza del nostro sostegno da tempo intrapreso per le riforme costituzionali e l’azione di rinnovamento perseguito dal governo di Matteo Renzi”, ha detto la signora, mentre lui, poeta taciturno, l’ha lasciata dire. Del resto, le riforme di Matteo non sono figlie legittime di quelle di Silvio? E la coerenza sai, è come il vento, che fa dimenticare chi non s’ama. Ma loro si amano. E amano sempre anche il Cav., non si sa mai.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi