Heimat e noi, cronaca di famiglie con o senza virgolette

Ho approfittato della sua breve presenza nei cinema per vedere “L’altra Heimat - cronaca di un sogno”, il capitolo ottocentesco del grande romanzo di Edgar Reitz. Non starò a dire lo splendore.
Heimat e noi, cronaca di famiglie con o senza virgolette
Ho approfittato della sua breve presenza nei cinema per vedere “L’altra Heimat - cronaca di un sogno”, il capitolo ottocentesco del grande romanzo di Edgar Reitz. Non starò a dire lo splendore. Dirò solo che, tema tra i temi, ma consustanziale alla Storia e alla Patria e al cuore dell’Europa, c’è il matrimonio e la famiglia indissolubile cristianamente intesa, pure in versione protestante. E sono storie di amori aspri e senza parole, ma più solidi di ogni durezza della terra e dei cuori. Sono storie di matrimoni mancati, sbagliati, santificati a dispetto dei santi o rovinati a dispetto dell’amore e delle migliori intenzioni. Amori tra uomini e donne che non sanno dirsi, omofilie neppure sfiorate col pensiero, matrimoni senza alternativa che si intrecciano o si intrappolano fino a strangolare, in ogni caso impossibili da dipanare, se non da sciogliere, davanti a Dio e (soprattutto) davanti agli uomini. E sono storie di figli come doni o come danni, scacciati lontano ma sempre tenuti legati stretti, di figlie zoppe e inservibili ma pure amate. Sono l’amore il matrimonio e la famiglia per come il Dio cristiano li ha plasmati nei secoli, un cammino rude e sicuro, a volte dolcissimo, ma non spessissimo, per condurre tutti al proprio destino, inteso eterno. Ma non sempre. Famiglie senza virgolette. Imperdonabili, perdonate o imperdonate. Per il resto non so, e se ne riparlerà fuori dalle righe. Ma se esistesse il divorzio breve, ci sono uomini che una volta nella vita vorrei sposare. Giuliano Ferrara, ad esempio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi