Il burqa di carne e il card. Hannibal the Cannibal Ravasi

Stefano Pistolini a parte, non è che ce lo ricordiamo in tanti

Stefano Pistolini a parte, non è che ce lo ricordiamo in tanti, quando John Lennon ormai sotto le malìe di Yoko Ono cantava “Woman is the nigger of the world”, la donna è il negro del mondo, noi le facciamo dipingere il viso e la facciamo ballare. Altri tempi, altri eccessi. Ma “la chirurgia estetica è come un burqa di carne”, scritto nel documento di un’assemblea vaticana sulle culture femminili, #LifeofWomen (maledetto sia l’hashtag messo in chiesa: ha un qualcosa di luciferino), beh, suona  un po’ come se il cardinal Ravasi facesse una conferenza stampa sdraiato su un lettone. Forse il concetto, certo in controtendenza sulle mode, non è poi così sbagliato, si può dibattere. Ma anche a prescindere dal casus della testimonial prescelta Nancy Brilli, la quale è pure compagna di un chirurgo estetico, che si è indignata con il testo e con il buon biblista pacioccone; anche tralasciando che si sono incazzati sia i catto-con sia i catto-prog, per i quali forse il Pontificio consiglio della cultura avrebbe dovuto rivolgersi a Vladimir Luxuria. Al netto di questo (e ci guardiamo come da un anatema di entrare nel merito), l’impressione è che il sant’uomo alle prese con il “burqa di carne” finisca fuori parte, come un Hannibal the Cannibal tra i vestitini di carne. Terreno non proprio suo, e neanche tanto utile alla causa callejera. O come diceva Michael J. Fox dopo aver strapazzato la Gibson: “Ehm… forse non siete ancora pronti per questo… Ma ai vostri figli piacerà”. Sì, magari. Però aspettiamo almeno il Sinodo sulla famiglia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi