In morte di Jeanne Moreau

Per il critico Tatti Sanguineti il volto dell’attrice era icona di “libertà” per i ragazzi di provincia anni Sessanta

Marianna Rizzini

Email:

rizzini@ilfoglio.it

Jeanne Moreau

Jeanne Moreau (foto LaPresse)

Roma. E’ morta a ottantotto anni Jeanne Moreau, la grande attrice francese che non è possibile immaginare senza sigaretta. Mentre parla di lei, il critico cinematografico e documentarista Tatti Sanguineti se la vede davanti, sullo schermo, nei tanti film per cui oggi è ricordata ma anche nella scena censurata e poi recuperata de “La notte” di Michelangelo Antonioni, scena in cui Moreau e Marcello Mastroianni, vestiti di bianco, si amano nel buio di un parco. Si sente, nella scena, la...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi