Rinnovare l’identità per vivere il presente. Il nuovo corso dei cappuccini

“Andare oltre la povertà delle forme”: sacro e profano insieme per rispondere ai mutamenti della società odierna

Rinnovare l’identità per vivere il presente. Il nuovo corso dei cappuccini

Foto LaPresse

Roma. Rinnovamento è una parola delicata, soprattutto se a rinnovarsi deve essere qualcosa che ha a che fare con la chiesa. Un secolo e poco più fa, chi l’avesse pronunciata avrebbe goduto suo malgrado di attenzioni particolari da parte della Sede apostolica, ché il sospetto di modernismo era assai diffuso. Poi c’è stato il Concilio che ha di fatto reso routinario il già noto motto Ecclesia sempre reformanda. E allora rinnovamento è divenuto termine abituale, fino a essere ormai una...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi