La miserabile resa alla caccia alle streghe

Il cardinale Pell incriminato per abusi sessuali di decenni fa. Per me, sulla sua non colpevolezza vale il vaglio di tre Papi. Ma l’incapacità della chiesa di difendersi dalle accuse di pedofilia viene da più lontano: da Lutero e dal Vaticano II

La miserabile resa alla caccia alle streghe

George Pell (foto LaPresse)

Il passaggio o la recita sempre lo stesso. Quaranta, cinquanta anni dopo spuntano le vittime, il racconto orrido di abusi e coperture degli abusi si fa largo a macchia d’olio, il tempo trascorso rende il tutto molto opaco ma la memoria organizzata è infallibile e si nutre di particolari da incubo che sfidano il mezzo secolo dai fatti, i comitati legali e ideologici si impadroniscono della situazione, vittime e portavoci delle vittime e delle associazioni antipedofilia non si distinguono più...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • tamaramerisi@gmail.com

    tamaramerisi

    30 Giugno 2017 - 10:10

    Stupendo, e davvero tristissimo. Ma "se io fossi Papa"... ci andrei giù durissimamente. Il che non necessariamente però vuol dire reagire alla patetica gogna puritana australiana (un ossimoro) difendendo Pell, presunto colpevole, DAL processo. Ma forse vuol dire USARE Pell e il processo per difendere la Chiesa. Pell è un martire che, proprio perché bravuomo di Chiesa, e vicinissimo al Papa, col Papa, ha accettato questa strada per difendere la Chiesa, anche dall'accusa (sommamente ingiusta ma ormai patrimonio comune del pensiero globale) di scappare. Vedremo. Speriamo...

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    30 Giugno 2017 - 10:10

    Carissimo emerito, se confonde la Chiesa di Cristo con lo stato Vaticano la espone alla feroce critica, non tanto luterana, quanto ortodossa. Pell è testimone di Cristo, che da due tribunali è stato umiliato e crocifisso e, se sarà perseguitato per causa di giustizia, otterrà il Regno dei Cieli. Secondo i suoi consigli il papa dovrebbe farsi Cesare per difendere Pell , ma Pietro si beccò del satana da Gesù per aver cercato di preservarlo dalla sua Passione. Inoltre la Chiesa in due millenni non è cresciuta tanto per merito della forza razionale dei suoi Padri e non sopravviverà per quella eccelsa di BXVI che ha scatenato a Ratisbona le forze del signore del mondo, satana. Si salverà piuttosto per il sangue dei credenti umiliati e crocifissi per aver testimoniato l'Amore di Dio. Ora non ci è dato saper se Pell sarà uno di questi e, anche se l'accanimento contro di lui di molti saputelli può farlo pensare, giudicherà Cesare, la giustizia terrena che dovrà rendere a Dio ciò che è di Dio.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    30 Giugno 2017 - 01:01

    La caccia alle streghe altre, comunque pittate, è sempre stata usata per evitare di confrontarci con quelle che abbiamo dentro noi.

    Report

    Rispondi

Servizi