Da Lovanio all'America, hanno ancora senso le università cattoliche?

Libera circolazione di idee vs. princìpi cristiani

Da Lovanio all'America, hanno ancora senso le università cattoliche?

La cattedrale di Lovanio, in Belgio (foto LaPresse)

Roma. Visto quel che è successo all’Università cattolica di Lovanio il mese scorso, occorrerebbe interrogarsi finalmente su cosa sia (e cosa debba offrire) un’università che nel nome porta la definizione di cattolica. Lo scrive, in un lungo articolo sul Catholic World Report, Eduardo Echeverria, professore di Filosofia e Teologia sistematica al Seminario maggiore di Detroit che ben conosce la realtà europea per averci studiato (Amsterdam e all’Angelicum di Roma). La questione si pone dopo il licenziamento stabilito dalle autorità della...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    25 Aprile 2017 - 11:11

    Purtroppo è passato il concetto che la libertà delle idee sia indipendente da quella che Dio ci ha concesso, dopo averlo rimosso dal Creato. Le drammatiche conseguenze che periodicamente ci piovono in testa sono dovute al fatto che, ritenendoci sapienti e razionali, abbiamo perso conoscenza del fatto che le inesorabili leggi che il Creato governano hanno un Vera Origine e non sono dominabili dalle apparenze che la nostra fallace ed arrogante razionalità si è creata da se. Leggendo Galileo si capisce che la pensava così, poi si è preferito farlo passare per nemico della Chiesa ma una falsità, anche se strillata, resta tale. Nulla salus (mentis et nulla ratio) extra Ecclesiam.

    Report

    Rispondi

Servizi