Il dono di Benedetto XVI

Che insegnamenti ci arrivano dai 90 anni di J. Ratzinger. Lettera al Foglio dell’arcivescovo di Milano

Il dono di Benedetto XVI

Benedetto XVI

Essendo un uomo di formazione teorica e non pratica, sapevo anche che non basta amare la teologia per essere un buon sacerdote, ma vi è la necessità di essere disponibile sempre verso i giovani, gli anziani, gli ammalati, i poveri; la necessità di essere semplice con i semplici. La teologia è bella, ma anche la semplicità della parola e della vita cristiana è necessaria. E così mi domandavo: sarò in grado di vivere tutto questo e di non essere unilaterale, solo un teologo ecc.? Ma il Signore mi ha aiutato e, soprattutto, la compagnia degli amici, di buoni sacerdoti e di maestri, mi ha aiutato”. Con questa disarmante semplicità, Benedetto XVI fece sua la perplessità che, in modo più o meno esplicito circolava tra molti dopo la sua elezione a successore di Pietro. Furono parole pronunciate durante un dialogo a cuore aperto con i giovani di Roma, la sua diocesi, in occasione della XXI Giornata mondiale della gioventù, il 6 aprile 2006. Benedetto XVI volle condividere con loro il suo personale percorso di fede. Un percorso di feconda umiltà, frutto di grazia e libertà, di certezza e timore realistico, di slancio e di fiducioso abbandono. Un percorso che il giorno della sua rinuncia al ministero petrino è stato evidente al mondo in tutta la sua grandezza.

 

Lungo gli anni del suo pontificato ne abbiamo potuto riconoscere le pietre miliari.

 

Anzitutto la grazia che è lo stesso Signore Gesù. Il primato di Cristo, cioè, dell’Amore incarnato di Dio nella vita del cristiano, ci è stato richiamato con grande forza dall’enciclica Deus caritas est. Cardine del suo insegnamento è il formidabile passaggio dell’incipit: “All’inizio dell’essere cristiano non c’è una decisione etica o una grande idea, bensì l’incontro con un avvenimento, con una Persona, che dà alla vita un nuovo orizzonte e con ciò la direzione decisiva”.

 

Da qui venne poi, con grande naturalezza, lo sviluppo proposto nel famoso intervento al Convegno della Chiesa italiana a Verona (2006): “Io, ma non più io: è questa la formula dell’esistenza cristiana fondata nel Battesimo, la formula della risurrezione dentro al tempo, la formula della ‘novità’ cristiana chiamata a trasformare il mondo”. Una novità, frutto del dono dello Spirito, del tutto gratuita, per nulla da noi prodotta o meritata. Un dato – in senso forte – cui far spazio e da accogliere. La Vergine Maria rappresenta la figura compiuta della personalità e della esistenza di Benedetto XVI, che da giovane, con occhi spalancati e cuore lieto, saliva all’amato santuario di Altötting. Nell’Annunciazione, l’Immacolata pronuncia quel fiat che dispiegherà con forza nello stabat del Calvario e che nel mistero dell’Assunzione troverà pieno compimento. Nella esperienza umana di Maria brilla il significato compiuto della formula cooperare assentendo contenuta nel Canone quarto del Decreto sulla giustificazione del Concilio di Trento. E’ questo l’orizzonte proprio del popolo cattolico, genuinamente espresso nell’esperienza ecclesiale del popolo bavarese. Nell’appartenenza pienamente consapevole a questa porzione significativa del popolo di Dio, si è formata la vocazione e la missione del futuro Papa Benedetto.

 

Ma il percorso compiuto da Benedetto XVI ci offre una seconda indicazione, particolarmente preziosa perché illumina la modalità attraverso cui la grazia sacramentale diventa incontro persuasivo e affascinante per l’umana libertà. “Soprattutto, la compagnia degli amici, di buoni sacerdoti e di maestri, mi ha aiutato”. La vita della comunità cristiana, infatti, è garanzia del cammino.

 

Una compagnia che esprime il volto della Chiesa e riempie i “grandi ambiti nei quali si articola l’esperienza umana” (Discorso di Verona), come documenta l’enciclica Caritas in veritate.

 

“La redenzione ci è offerta nel senso che ci è stata donata la speranza, una speranza affidabile, in virtù della quale noi possiamo affrontare il nostro presente” (Spe salvi 1). Queste parole illuminano la risposta che la vita di Papa Benedetto continua a offrire a una domanda oggi più urgente che mai. Hans Urs von Balthasar, suo grande amico, la formulava così: chi è la Chiesa? Il percorso cristiano e pastorale di Benedetto XVI, infatti, ripropone limpidamente l’esperienza della prima comunità apostolica. Pietro, Giovanni, Matteo, Paolo, Stefano, le donne… sono i primi anelli di una catena ininterrotta di testimoni, storicamente ben documentata, che arriva fino a noi. In essa si esprime la natura sacramentale della Traditio della Chiesa.

 

La grazia che è Gesù Cristo, vissuta nella compagnia della Chiesa: mi sembra questo il dono che la vita di Benedetto XVI continua a testimoniare alla nostra libertà.

  


Angelo Scola è il Cardinale arcivescovo di Milano

  


 

Nel numero in edicola lo speciale di quattro pagine per i 90 anni di Papa Benedetto XVI. Puoi acquistarlo anche online.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    17 Aprile 2017 - 10:10

    Grazie al cardinale Scola per la riflessione sul "lavoratore della vigna" che ci ha illuminato sulla vertigine della sua pur inarrivabile razionalità dinanzi all'umiltà del mistero della Fede.

    Report

    Rispondi

Servizi