La lenta estinzione degli atei è ora certificata anche dalla scienza

Non solo demografia, c'entra la genetica. Uno studio apparso sulla rivista Evolutionary Psychological Science

La lenta estinzione degli atei è ora certificata anche dalla scienza

foto LaPresse

Contenuto disponibile solo per utenti abbonati

Per continuare a leggere il contenuto di questa pagina è necessario essere abbonati. Se sei già nostro cliente, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione in alto a sinistra. Se non sei abbonato, che aspetti? Abbonati subito.

Scopri tutte le offerte per entrare nel Foglio

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    21 Marzo 2017 - 14:02

    Mah ! La scientificazione del mistero della fede non mi convince affatto e mi pare che le condizioni di benessere raggiunte restino la prima causa di denatalità. Specialmente la componente genetica, per chi non la voglia chiamare Dio, resta mistero impenetrabile soprattutto per quegli scientisti che credono di aver individuato nel genoma umano l'origine della vita. Riguardo l'altra componente, quella ambientale, tutti i sociologi del mondo dovranno arrendersi dinnanzi al mistero del dolore e della sua capacità di generare negli esseri umani comportamenti miracolosi. Che poi Dio possa aver predisposto nella legge universale della fisica le modalità di sviluppo della fede è cosa che contrasta con il libero arbitrio che le rende imprevedibili agli umani.

    Report

    Rispondi

  • andrea.milani82

    20 Marzo 2017 - 07:07

    Come se già non fossimo in sovrannumero

    Report

    Rispondi

  • luciano_avogadri

    19 Marzo 2017 - 23:11

    Sono i figli dei religiosi che ingrossano le fila degli atei.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    19 Marzo 2017 - 18:06

    E' assolutamente vero: la religione ateista (che tale è in effetti) è in declino, purtuttavia è in forte aumento in molte parti del mondo l'indifferenza nei confronti di qualsiasi religione. Persino molti islamici che vivono nei paesi occidentali cominciano ad avere tale atteggiamento.

    Report

    Rispondi

Servizi