La lenta estinzione degli atei è ora certificata anche dalla scienza

Non solo demografia, c'entra la genetica. Uno studio apparso sulla rivista Evolutionary Psychological Science

La lenta estinzione degli atei è ora certificata anche dalla scienza

foto LaPresse

Roma. Gli atei sono destinati a estinguersi, lo dice la scienza. A metterlo per iscritto in un articolo apparso sulla rivista Evolutionary Psychological Science sono quattro studiosi di fama mondiale: Lee Ellis, Anthony W. Hoskin, Edward Dutton e Helmuth Nyborg. Quattromila interviste condotte tra la Malesia e gli Stati Uniti hanno dimostrato che gli atei fanno meno figli rispetto a chi crede nell’esistenza di un dio.

 

“Per oltre un secolo – si legge nelle conclusioni della ricerca – gli scienziati sociali hanno previsto il declino dei credo religiosi e la loro sostituzione con prospettive più scientifiche e/o naturalistiche. Una previsione conosciuta come l’ipotesi della secolarizzazione” inarrestabile. Già da qualche decennio, i numeri hanno dimostrato quanto tale ipotesi fosse errata. Ora si fa un passo ulteriore, dimostrando che a divenire sempre più minoranza saranno quanti non si riconoscono in alcuna fede. “È ironico pensare che i metodi contraccettivi siano stati sviluppati in primo luogo da atei e che questi metodi stiano contribuendo, ora, a diminuire la rappresentanza degli atei nelle future generazioni”, spiegano gli autori dello studio. Si prenda l’esempio della Malesia: gli atei malesi hanno 1,5 fratelli in meno rispetto alla media generale. Negli Stati Uniti, a migliaia di chilometri di distanza, la tendenza si conferma, anche se con numeri più risicati: gli studenti intervistati non affiliati ad alcuna religione hanno meno fratelli rispetto alla media. Lo studio, però, va oltre, spingendosi a sostenere che la religiosità è ereditaria.

 

Certo, il determinato contesto culturale in cui si cresce gioca un ruolo notevole, la visione del mondo che si apprende in famiglia lascia tracce, ma esisterebbe anche una base genetica. Coloro che hanno una “più alta capacità” di credere in un dio sono dotati di determinati geni che, con lo sviluppo delle moderne tecniche di controllo delle nascite e della fertilità hanno contribuito a dare un certo vantaggio (genetico, appunto) ai credenti.

 

I risultati dimostrano che la fertilità media dei genitori varia in modo notevole a seconda dei gruppi confessionali: i musulmani, ad esempio, si confermano “più religiosi” e più fertili, mentre i buddisti sono “meno religiosi” e meno fertili. Dati che, tra le altre cose, sono in linea con quanto pubblicato poche settimane fa dall’autorevole Pew Research Center di Washington, che sottolineava la crescita numerica dei fedeli all’islam e al cristianesimo e la sofferenza di buddismo ed ebraismo. In ogni caso, “tutti i risultati mostrano con evidenza – si legge nel rapporto – che la religiosità e la fecondità sono tratti ereditari” e, di conseguenza, è possibile affermare che “le tendenze verso la secolarizzazione sono attualmente controbilanciate da tendenze genetiche e riproduttive”. Da qui ne consegue che “l’ateismo subirà un declino costante per tutto il secolo, anche nei paesi industriali e perfino in Europa”. Tra i primi a sollevare la questione, in un libro pubblicato nel 2012 (Gentili senza cortile, Lussografica editore), era stato il sociologo Massimo Introvigne, direttore del Cesnur (Centro studi sulle nuove religioni), che oggi – confermando quanto emerge dall’articolo – spiega che “nel lungo periodo le persone religiose, che fanno più figli, aumenteranno per forza in percentuale. Sono anche più brave a socializzare i figli nella fede”. Una delle conseguenze – non così ovvia come pure potrebbe apparire, dice Introvigne – “è che ci saranno probabilmente più persone religiose per una pura questione demografica. Come dice lo studio citato, gli atei alla fine rischieranno di estinguersi perché fanno pochi figli”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Paco

    05 Settembre 2017 - 20:08

    Ah ah ah ah ah! Pensare che i figli dei religosi saranno religiosi è pura fantasticheria. Il figlio di religiosi è il miglior candidato alla ribellione della religione. Il miglior ateo potenziale possibile.

    Report

    Rispondi

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    21 Marzo 2017 - 14:02

    Mah ! La scientificazione del mistero della fede non mi convince affatto e mi pare che le condizioni di benessere raggiunte restino la prima causa di denatalità. Specialmente la componente genetica, per chi non la voglia chiamare Dio, resta mistero impenetrabile soprattutto per quegli scientisti che credono di aver individuato nel genoma umano l'origine della vita. Riguardo l'altra componente, quella ambientale, tutti i sociologi del mondo dovranno arrendersi dinnanzi al mistero del dolore e della sua capacità di generare negli esseri umani comportamenti miracolosi. Che poi Dio possa aver predisposto nella legge universale della fisica le modalità di sviluppo della fede è cosa che contrasta con il libero arbitrio che le rende imprevedibili agli umani.

    Report

    Rispondi

  • andrea.milani82

    20 Marzo 2017 - 07:07

    Come se già non fossimo in sovrannumero

    Report

    Rispondi

  • luciano_avogadri

    19 Marzo 2017 - 23:11

    Sono i figli dei religiosi che ingrossano le fila degli atei.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi