Il vescovo chiude il caso Medjugorje: “Qui non è mai apparsa la Madonna”

Il pastore di Mostar: "Quella figura ambigua non è Maria"

Matteo Matzuzzi

Email:

matzuzzi@ilfoglio.it

Il vescovo chiude il caso Medjugorje: “Qui non è mai apparsa la Madonna”

La chiesa parrocchiale di Međugorje (foto via Wikipedia)

Roma. Alla vigilia dell’arrivo a Medjugorje dell’inviato speciale del Papa incaricato di “acquisire più approfondite conoscenze sulla situazione pastorale di quella realtà”, il vescovo di Mostar – nella cui giurisdizione rientra anche la località bosniaca meta di pellegrinaggi – dice che nulla di soprannaturale lì è accaduto. Mons. Ratko Peric ribadisce quanto la sua diocesi ha sempre sostenuto in più di trent’anni, e cioè che “non si tratta di vere apparizioni della Beata Vergine Maria”. Stavolta, però, Peric va oltre e di fatto boccia le conclusioni della speciale commissione vaticana istituita da Benedetto XVI e guidata dal cardinale Camillo Ruini. Conclusioni ancora secretate, nonostante il Papa in persona avesse annunciato quasi due anni fa decisioni imminenti in merito. Da quel che si sa, però, l’orientamento proposto dalla commissione nel 2014 – “hanno fatto un bel lavoro”, disse Francesco conversando con i giornalisti a bordo dell’aereo che lo riportava a Roma dal viaggio lampo a Sarajevo, nel giugno del 2015 – è di riconoscere la soprannaturalità delle prime apparizioni, senza pronunciarsi sulle successive, peraltro ancora in corso. Il vescovo di Mostar respinge tale impostazione: “Sebbene talvolta si sia detto che le apparizioni dei primi giorni potrebbero essere ritenute autentiche e che poi sarebbe sopraggiunta una sovrastruttura per altri motivi, in prevalenza non religiosi, questa curia ha promosso la verità anche riguardo a questi primi giorni”. E, “dopo aver trascritto dai registratori le audiocassette contenenti i colloqui avvenuti, nella prima settimana, nell’ufficio parrocchiale di Medjugorje, tra il personale pastorale e i ragazzi e le ragazze che avevano affermato di aver visto la Madonna, con piena convinzione e responsabilità esponiamo i motivi per cui appare evidente la non autenticità dei presunti fenomeni”.

 

Quindi, l’affondo dai toni poco diplomatici: “Se la vera Madonna, Madre di Gesù, non è apparsa – come infatti non è – allora a tutto sono da applicare le seguenti formule: ‘sedicenti’ veggenti, ‘presunti’ messaggi, ‘preteso’ segno visibile e ‘cosiddetti’ segreti”. La posizione della curia di Mostar non è nuova: le frizioni (eufemismo) con i frati francescani che curano la parrocchia durano da decenni e in tutto questo tempo nulla è cambiato. Anche per questo s’era pensato di fare di Medjugorje un santuario alle dirette dipendenze della Santa Sede. Mons. Peric rivolge ora l’attenzione proprio alle prime apparizioni, sulla cui veridicità (appunto) in Vaticano si è più possibilisti. Innanzitutto, “la figura femminile che sarebbe apparsa a Medjugorje si comporta in modo del tutto diverso dalla vera Madonna, Madre di Dio, nelle apparizioni riconosciute finora come autentiche dalla chiesa: di solito non parla per prima; ride in maniera strana; a certe domande scompare e poi di nuovo ritorna; obbedisce ai ‘veggenti’ e al parroco che la fanno scendere dal colle in chiesa sebbene controvoglia. Non sa con sicurezza per quanto tempo apparirà; permette ad alcuni presenti di calpestare il suo velo steso per terra, di toccare la sua veste e il suo corpo. Questa – scrive il vescovo di Mostar – non è la Madonna evangelica”.

  
E poi quei dubbi sullo “strano tremito” percepito dal veggente Ivan Dragicevic, le varie descrizioni sulla donna che appare: “Alcune ‘veggenti’ hanno visto un bambino avvolto nei panni, Ivan invece nega espressamente di aver visto il bambino, mentre poteva facilmente vedere da lontano gli ‘occhi’ e le ‘ciglia’ della figura femminile”. Alla voce “anniversario fasullo”, poi, mons. Peric elenca le contraddizioni sulla data di inizio delle “presunte apparizioni”: per alcuni è il 24 giugno del 1981, per altri il 25. Ma è sulla ciclicità delle apparizioni che il vescovo esprime i dubbi maggiori: la “figura” prima dice “quanto a lungo voi volete, quanto a lungo voi desiderate”, poi “cambia idea e ‘appare’ ogni giorno a tre ‘visionari’ del gruppo”. Da qui, la chiosa finale: “Tenendo conto di tutto quel che è stato esaminato, si può pacificamente affermare” che “la Madonna non è apparsa a Medjugorje”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • iksamagreb@gmail.com

    iksamagreb

    09 Ottobre 2017 - 00:12

    Sappiamo tutti che la Chiesa Ufficiale non obbliga a credere alle apparizioni perché sono sempre private, e la c.d. approvazione o meno delle riferite apparizioni è sempre qualcosa di relativo. Eppure Fatima, Lourdes ed altre infinite "apparizioni" risultano importanti per molte persone. Medjugorje è diventata meta di pellegrinaggio da ogni parte del mondo per milioni di persone, che se ne sentono attratte e cambiano vita sentendosi sempre più credenti in Dio e in Gesù Cristo per merito della Madonna. Milioni di persone in aumento che diventano Chiesa ossia comunità di credenti. Cosa crede di poter dire o fare chiunque persona, o Prete o Vescovo o Cardinale o il Papa stesso, a chiunque di queste persone, credenti perché ...solo loro lo sanno, per dissuaderle dal credere? Minacciarle? Niente, non può farci niente se non farsi tristemente compatire e compiangere, dispiaciuto nel vedere che altri non ha il beneficio, la grazia, il miracolo consolante di credere. Capito?

    Report

    Rispondi

  • SERGEI

    09 Agosto 2017 - 12:12

    La Santa Sede, ha già stabilito esattamente il contrario, quindi il vescovo dovrebbe vergognarsi di continuare ad insistere, come il suo predecessore, con opinioni personali indebite ed abusive. Già in precedenza la Santa Sede aveva detto al suo predecessore, che le loro erano opinioni personali indebite non condivise dalla Santa Sede, la quale ha incaricato una commissione presieduta da Ruini nel 2010, la quale è giunta alla conclusione opposta a quella di questo arrogante vescovo: le prime 7 apparizioni ai sei giovani sono AUTENTICHE, pertanto Medjugorje viene elevata da semplice parrocchia e SANTUARIO PONTIFICIO MARIANO, che verrà gestito da un apposita autorità dipendente da Roma. Si istituisce invece una nuova commissione presieduta da Muller, per studiare la veridicità di tutti i successivi messaggi giornalmente pubblicati dai veggenti e che studierà anche il loro comportamento. Per cui voi pubblicate una notizia inutile, perchè il vescovo sta rinnegando addirittura la Santa Sede

    Report

    Rispondi

  • mandraolo

    05 Marzo 2017 - 02:02

    Insomma, come prima Peric non ha nessuna cogente motivazione per dichiarare la falsità delle apparizioni.

    Report

    Rispondi

  • Michele Salcito

    04 Marzo 2017 - 11:11

    La creatura che appare a Medjugorje è una vera persona che pensa, ascolta, vede, suggerisce, conosce ciò che accade nel mondo; alterna periodi allegri a momenti di tristezza, si affeziona alle persone, ecc.. Proprio l'affetto verso i suoi veggenti potrebbe aver prodotto così tante apparizioni in tutti questi anni. Siccome però il Vangelo ci dice molto poco della personalità di Maria non possiamo essere certi di trovarci davanti alla Madonna nè a Medjugorje e nemmeno in tutte le altre manifestazioni mariane avvenute nei secoli in giro per il mondo. E' vero che Medjugorje ha prodotto tanti frutti spirituali, ma sembrano piuttosto miseri se si pensa che le chiese restano vuote. Se tutti coloro che sono andati a Medjugorje fosse veri cristiani la Chiesa sarebbe veramente viva. Lasciare i figli nella nebbia diventa come giocare a guardia e ladri. Allora, perché non chiedere alla Regina della Pace di esporsi al mondo in modo da fugare ogni dubbio?.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi