L’esercito dei martiri

Cinquecento anni fa a Otranto ottocento cristiani decapitati dai turchi in guerra contro l’occidente. Vent’anni fa in Algeria sette monaci trucidati, le teste appese a un albero.
L’esercito dei martiri

Dopo l'attentato di Rouen (foto LaPresse)

“Il martire scrive col sangue la sua fede: proclama, col suo sacrificio, che la verità ch’egli possiede e per la quale si lascia uccidere, vale più della sua vita temporale, perché la fede è la sua nuova vita soprannaturale, presente e per l’eternità. Nessuno più inerme, più debole, più mansueto di lui; il martire è come un agnello; ma nessuno più coraggioso, nessuno più impavido, nessuno più vittorioso”. Paolo VI       I turchi si avvicinarono alla città di...

Registrati per continuare a leggere

La registrazione è gratuita e
consente la lettura
degli articoli
in esclusiva del Foglio
per una settimana.

Se sei già abbonato, ACCEDI.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi