Il Papa condanna gli "abomini" di Bruxelles, ispirati da un "fondamentalismo crudele"

Preghiere e condanne per le stragi che ieri hanno insanguinato Bruxelles. Il Papa commenta gli attentati in Belgio al termine dell'udienza generale in piazza San Pietro.
Il Papa condanna gli "abomini" di Bruxelles, ispirati da un "fondamentalismo crudele"

Papa Francesco presiederà da domani i riti della Settimana santa (LaPresse)

Roma. Al termine dell'udienza generale in piazza San Pietro, il Papa ha commentato gli attentati che ieri hanno colpito Bruxelles. "Con cuore addolorato, ho seguito le tristi notizie degli attentati terroristici avvenuti ieri a Bruxelles che hanno causato numerose vittime e feriti. Assicuro la mia preghiera e la mia vicinanza alla cara popolazione belga a tutti i familiari delle vittime e a tutti i feriti", ha detto il Pontefice, aggiungendo: "Rivolgo nuovamente un appello a tutte le persone di buona volontà per unirsi nell'unanime condanna di questi crudeli abomini che stanno causando solo morte, terrore e orrore. A tutti chiedo di perseverare nella preghiera e nel chiedere al Signore in questa Settimana santa di confortare i cuori afflitti e di convertire i cuori di queste persone accecate dal fondamentalismo crudele". Quindi, dopo un'Ave Maria, Francesco ha chiesto ai presenti in piazza di "pregare in silenzio per i morti, i feriti, i familiari e per tutto il popolo belga".

 

Ieri, di primo mattino, il segretario di Stato, cardinale Pietro Parolin, aveva inviato un telegramma a nome del Papa all'arcivescovo della capitale belga, mons. Jozef De Kezel, in cui si condannava ancora una volta la "violenza cieca".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi