Il Papa ha firmato il decreto: Madre Teresa di Calcutta sarà santa nel 2016

Il Papa, poco prima delle 18 del 17 dicembre (giorno del suo compleanno) ha firmato il documento che ratifica il miracolo attribuito alla beata Madre Teresa di Calcutta, disponendo che il decreto venga promulgato. La canonizzazione avverrà entro il 2016, probabilmente il 4 settembre.
Il Papa ha firmato il decreto: Madre Teresa di Calcutta sarà santa nel 2016

Madre Teresa di Calcutta è stata beatificata da Giovanni Paolo II nel 2003

Roma. Il Papa, poco prima delle 18 del 17 dicembre (giorno del suo compleanno) ha firmato il documento che ratifica il miracolo attribuito a Madre Teresa di Calcutta, disponendo che il decreto venga promulgato. Come scrive Avvenire, che ha dato la notizia, la religiosa “apostola degli ultimi” sarà canonizzata nell’Anno Santo della misericordia, con ogni probabilità il prossimo 4 settembre. A ogni modo, la data sarà resa pubblica in occasione del prossimo concistoro. Il caso che ha portato al via libera alla canonizzazione morta nel settembre del 1997 è stato sottoposto solo qualche giorno fa al vaglio della Congregazione per le cause dei santi, i cui componenti hanno dato parere “pienamente positivo”. La guarigione attribuita alla suora d’origini albanesi che elesse l’India a sua patria adottiva risale al 2008, quando un uomo “ridotto in fin di vita da otto ascessi multipli cerebrali con idrocefalo istruttivo” e con pochissime speranze di sopravvivenza guarì improvvisamente e in modo duraturo senza alcun intervento chirurgico. Il 10 settembre scorso, come ricorda Stefania Falasca, “la risoluzione della malattia era stata dichiarata all’unanimità scientificamente inspiegabile”. Parere concorde anche dei consultori teologi.

 

[**Video_box_2**]Il 9 dicembre del 2008, il paziente entrò in coma in sala operatoria: si trattava di un disperato intervento per salvargli la vita. L’intervento fu rimandato per un problema tecnico e mezz’ora dopo il chirurgo, rientrato in sala operatoria, trovò l’uomo non più in coma, ma seduto, sveglio e perfettamente cosciente. Gli esami rivelarono che non aveva più nulla al cervello. Solo più tardi si sarebbe saputo che la moglie dell’uomo aveva chiesto ad amici e conoscenti di pregare la beata Madre Teresa “perché lo curi”. In quella mezz’ora di attesa per l’operazione disperata, la donna si trovava con alcuni familiari nella cappella dell’ospedale a pregare la fondatrice delle Missionarie della carità, beatificata da Giovanni Paolo II nel 2003, perché intervenisse.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi