Numeri alla mano, i cristiani di Francia sono tra i più discriminati. Ma a Valls non interessa

Il premier annuncia un piano per difendere tutte le comunità religiose del paese. Tranne quella cristiana. Ma i casi di profanazione dei luoghi di culto si moltiplicano.

Numeri alla mano, i cristiani di Francia sono tra i più discriminati. Ma a Valls non interessa

Il premier francese, Manule Valls (foto LaPresse)

Parigi. Giovedì scorso, dalla sua pagina Twitter, il premier francese Manuel Valls non ha esitato a denunciare l’“offesa insostenibile” di cui è stato vittima il cimitero cristiano Saint-Roch di Castres, nel dipartimento del Tarn: 216 tombe profanate, senza contare le numerose croci e statue della Vergine Maria divelte. “Tutti i miei pensieri alle famiglie”, ha aggiunto Valls per esprimere la sua solidarietà alla comunità cristiana, alla stregua di quanto aveva fatto a febbraio con la comunità ebraica per la profanazione del cimitero di Sarre-Union. Poi però, il giorno dopo, si è presentato in un liceo del Val-de-Marne accompagnato da sei ministri per annunciare in pompa magna l’ambizioso “piano di lotta contro il razzismo e l’antisemitismo”, e quei “cristiani” cui aveva appena mostrato la sua prossimità, seppur con un facile tweet, sembravano già dimenticati. Tra i discriminati che il pacchetto di misure ha l’obiettivo di proteggere (quaranta per un totale di cento milioni di euro di finanziamento distribuiti nei prossimi tre anni), ci sono i musulmani, gli stranieri, gli omosessuali, gli ebrei, ma dei cristiani nemmeno l’ombra. Ancora una volta i cristiani sono i “grandi dimenticati” dell’esecutivo socialista, ha denunciato Jean-Frédéric Poisson, presidente del Parti chrétien-démocrate (Pcd) e capofila dell’ondata di proteste provenienti dalla comunità cristiana francese.

 

Ancora una volta il governo gerarchizza i razzismi, stabilisce quale è di serie A e quale di serie B, e i cristiani sono nuovamente le vittime principali. Approfittandone per attaccare il silenzio assordante del governo a proposito dell’episodio dei dodici profughi gettati a mare perché cristiani, Poisson ha accusato di cecità il piano presentato dal primo ministro socialista, nel quale figurano “misure contro le discriminazioni e gli attacchi nei riguardi dei musulmani, degli stranieri, degli omosessuali, degli ebrei, ma non dei cristiani, anch’essi vittime di umiliazioni e di aggressioni e i cui luoghi di culto sono i più profanati di Francia”.

 

[**Video_box_2**]L’intervento del presidente del partito cristiano-democratico francese è stato pubblicato venerdì, quando le cifre esplosive del ministero dell’Interno sulle profanazioni dei luoghi di culto cristiani non erano ancora state pubblicate. 673 luoghi di culto e di sepoltura cristiani sono stati oggetto di atti di vandalismo e di profanazioni nel corso del 2014: questi i numeri ufficiali, pubblicati oggi da Place Beauveau, sede del ministero dell’Interno. Numeri che garantiscono nuovamente ai cristiani il triste primato di comunità religiosa più perseguitata di Francia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi