La questione della cosiddetta pista palestinese nella strage di Bologna

La procura ha esaminato gran parte delle carte di cui si parla in questi giorni e ha archiviato tutto

La questione della cosiddetta pista palestinese nella strage di Bologna

Bologna, la commemorazione a 36 anni dalla strage alla stazione (foto LaPresse)

Oggi qui si onora un impegno preso e si completa la cronaca delle vicende giudiziarie legate alla strage di Bologna affrontando la questione della cosiddetta pista palestinese presentata in alternativa alla matrice neofascista di cui parla la sentenza, almeno per quel che riguarda l’esecuzione della strage. La procura di Bologna ha esaminato gran parte delle carte di cui si parla in questi giorni e ha archiviato tutto. Non è decisiva come argomentazione, perché è difficile che lo stesso ufficio che ritiene di aver chiuso un fascicolo con successo, riconosca da solo di aver sbagliato, ma alcuni elementi vanno presi in considerazione. La perizia fatta sull’esplosivo usato in attentati del Fplp comparato a quello usato a Bologna ha dato esito negativo. La minaccia di ritorsioni del gruppo palestinese, che molto preoccupava il colonnello Giovannone, non è comunque comparabile con i dettagliati piani di attentati rinvenuti in quel periodo negli ambienti dell’estrema destra. Negli archivi della Stasi che foraggiava e controllava il Fplp e il “gruppo Carlos”, non si è trovato nulla su Bologna. Thomas Kram, l’estremista tedesco presente a Bologna e registrato in albergo col suo vero nome, non faceva parte del gruppo Carlos. Abu Saleh, il palestinese arrestato per la cui liberazione il Fplp avrebbe fatto saltare la stazione di Bologna, venne sì scarcerato ma un anno dopo la strage. Un anno durante il quale il Fplp non si sentì più. C’è ancora dell’altro, ma basta questo per rendere l’ipotesi palestinese fragile almeno quanto quella che ha portato alla condanna di Mambro e Fioravanti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    04 Agosto 2017 - 09:09

    infatti la pista pur presa in considerazione ma subito scartata perchè troppo fantasiosa fu che a Bologna non fu alcun attentato con matrice attribuibile ,ma una valigia piena di esplosivo che veniva trasferita da un posto all'altro espose casualmente. Ma in Italia dove il sospetto è l'anticamera della verità e che dietro il sorgere del sole ci deve essere per forza un progetto oscuro ( scacciar la notte disse uno) è impossibile che certi eventi accadano per caso.

    Report

    Rispondi

Servizi