Dopo 37 anni sulla strage di Bologna abbiamo fatto un passo avanti

I parlamentari e i magistrati hanno visionati da tempo i documenti secretati. Perché è giusto la richiesta di desecretarli del tutto

Dopo 37 anni sulla strage di Bologna abbiamo fatto un passo avanti

Un passo avanti nelle consuete polemiche sulla strage di Bologna sta in una parola ambigua per i profani: desecretazione. Il lettore pensa al segreto di stato e si indigna, ma non è così. Il segreto di stato su fatti di strage, oltre che di terrorismo e di mafia, non può essere opposto alle indagini della magistratura. Per legge. Quest’anno, ecco la novità, lo si capisce anche dalle dichiarazioni dei politici. Per esempio ieri Maurizio Gasparri chiedeva la desecretazione di documenti che, scriveva, “abbiamo visionato”. Dunque, come i parlamentari, anche e a maggior ragione i magistrati li hanno visionati e da tempo ancora anteriore. E’ logico, perché da anni non c’è più il segreto di stato, per fatti di stragi, terrorismo e mafia, e non può avere effetti sulle indagini. Quei documenti restano invece chiusi per giornalisti e storici. Giusta a questo punto la richiesta di desecretarli del tutto, per il tempo passato e perché alcuni che li hanno letti, o ne hanno sentito parlare, li ritengono illuminanti sul movente della strage. Non è evidentemente il parere dei magistrati ma è giusto che si sappia di che si tratta. La seconda novità riguarda la matrice della strage. Una sentenza tormentata e contraddittoria fa dubitare delle condanne di Mambro e Fioravanti. Su questo non c’è dubbio. Dire però che la matrice neofascista era ingiustificata come filone di indagine e che nelle famose carte ci sono le prove di una pista alternativa che porta ai palestinesi può rivelarsi una forzatura analoga a quella che si imputa alla sentenza. Domani qui si prova a scrivere perché, ma in ogni caso quei documenti è meglio farli conoscere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • guido.valota

    03 Agosto 2017 - 22:10

    L'unico problema della pista palestinese è che non è ancora possibile neppure parlarne. Una strage fascista si porta sempre e chissà, se va al governo l'antimafia di Di Matteo e Ingroia, che non ci si possa infilare dentro anche Berlusconi. Chi tocca i palestinesi e i loro bombaroli è fottuto, e soprattutto questo dovrebbe far riflettere più ancora che le circostanze dell'epoca..

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    03 Agosto 2017 - 16:04

    Attendo.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    03 Agosto 2017 - 09:09

    Per caso Bordin ricorda ciò che sulla vicenda disse e scrisse il compianto presidente Cossiga, che di segreti, anche dei servizi, pare ne sapesse una più del diavolo ? Non sarebbe male ricordarlo..

    Report

    Rispondi

Servizi