Ingiustizia carceraria e storie interessanti

La battaglia perché perfino ai mafiosi vengano garantiti dei diritti, non può fare dimenticare, oggi che è l’anniversario della strage di via D’Amelio, quanto questi personaggi si sentissero forti e impuniti

Ingiustizia carceraria e storie interessanti

Un'immagine di via D'Amelio dopo l'attentato (foto via Wikipedia)

Gli articoli di Damiano Aliprandi su Il Dubbio sono belli e soprattutto utili. Tutti i giorni Aliprandi, seguendo le mosse dei garanti regionali dei detenuti o quelle di Rita Bernardini e dei radicali, parla di qualche ingiustizia carceraria e finisce per raccontare storie interessanti, come ieri quella del vecchio ’ndranghetista che sta al 41 bis in gravi condizioni, ricoverato a Parma in un reparto, riadattato a carcere speciale, dell’ospedale. Insieme sono lì detenuti Riina e Farinella. Di Riina sappiamo tutto, Farinella è pure un personaggio interessante. Era uno dei tre capi mandamento, tre non trecento, cui fu revocato il 41 bis da Conso che per quell’atto si ritrovò imputato nel processo sulla trattativa. Le imputazioni di Farinella all’epoca non giustificavano quel regime carcerario, poi si precisò il suo ruolo di mafioso e da più di vent’anni è detenuto al 41 bis. Strano modo di beneficiare di questa famosa trattativa. Un altro caso di 41 bis sempre a Parma, ma stavolta nel carcere propriamente detto, è quello di Piddo Madonia, temuto capomafia del nisseno, detenuto da un quarto di secolo ora è semi cieco. La battaglia, giusta a parere di chi scrive, perché a costoro, perfino a costoro, verrebbe da dire, vengano garantiti dei diritti, non può fare dimenticare, oggi che è l’anniversario della strage di via D’Amelio, quanto questi personaggi si sentissero forti, feroci e soprattutto impuniti. Non poterono continuare a esserlo grazie al risveglio dello Stato, che oggi nei dibattiti verrà messo sul banco degli imputati dove ancora si trovano, non metaforicamente, quelli che li arrestarono.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • giantrombetta

    19 Luglio 2017 - 10:10

    Bordin come me sa che persino il garante primo della Costituzione, ovvero l'allora Presidente della Repubblica, considerava il 41 bis una legge anticostituzionale. La firmo', se mal non ricordo, a condizione che la sua applicazione fosse solo temporanea. Una soluzione all'italiana, mi disse un autorevolissimo giurista. E si sa che da noi nulla diventa definitivo e permanente quanto ciò che viene approvato come eccezionale ed assolutamente temporaneo.

    Report

    Rispondi

Servizi