Le "prove inconfutabili" su Graviano

"Non sapeva di essere intercettato", dice il pm del processo Trattativa. Per saperne di più basta aspettare due giorni, ma la curiosità è legittima

Il surreale incontro tra Gianfranco Miglio e Nitto Santapaola secondo Graviano

Giuseppe Graviano

“Abbiamo prove assolutamente inconfutabili del fatto che Graviano non sapesse di essere intercettato”. Di più il procuratore aggiunto Vittorio Teresi, che guida il pool di pm del processo Trattativa, non dice. La discovery avverrà in udienza e ieri ne ha parlato alla libreria Feltrinelli di Palermo, dove si presentava un libro, “Quel terribile 92”, scritto da Aaron Pettinari, il giornalista di AntimafiaDuemila che segue le udienze del processo. Per saperne di più basta aspettare due giorni, la prossima udienza è venerdì, ma la curiosità è legittima se si considera la certezza perentoria di Teresi quando parla di prove “assolutamente inconfutabili”. Per di più è singolare che proprio il procuratore aggiunto abbia fatto precedere il suo annuncio stentoreo da una preoccupata premessa. “Noto in questi giorni delle certezze assiomatiche che mi fanno paura. Tutti hanno la certezza assoluta che Giuseppe Graviano sapesse di essere intercettato”. Evidentemente le certezze assolute competono, secondo Teresi, solo alle procure e in fondo ha ragione, perché nessuno ha mai scritto che c’è la certezza, bensì il ragionevole dubbio e qualche indizio, che il capo mafia avesse messo in conto quanto le sue parole potessero essere ascoltate dagli inquirenti. Questo basta a depotenziare il valore probatorie di quelle parole, fermo restando che in merito certezze assolute sarebbe difficile averne e dunque si giustifica la curiosità sulle “prove assolutamente inconfutabili” che la procura si appresta a produrre. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    21 Giugno 2017 - 16:04

    Un Pulitzer a Bordin. Prego il Dio dei giornalisti, che prego ogni notte ormai da un mese e mezzo, di ascoltare questa mia umile voce che grida nel deserto.

    Report

    Rispondi

  • giantrombetta

    21 Giugno 2017 - 08:08

    Ma in questo paese che da decenni vanta il record delle intercettazioni solo il povero e compianto presidente Cossiga aveva la certezza, non il sospetto, di essere intercettato e al riguardo s'era opportunamente attrezzato? Infine quando verrà il giorno che i magistrati torneranno a parlare solo in tribunale, ovvero esprimeranno giudizi solo attraverso le sentenze? In altre parole, quando verrà il giorno che la giustizia tornerà ad essere giustizia?

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    21 Giugno 2017 - 07:07

    Ci sono prove inconfutabili che Graviano sapeva che la Procura non sapeva che lui sapeva che la Procura sapeva che lui non sapeva che la Procura non sapeva che lui sapeva di essere intercettato.

    Report

    Rispondi

Servizi