Il M5s ha un piano quinquennale per i rifiuti a Roma. Occhio ai sabotatori trotzkisti

La situazione nella Capitale è sopra il livello di guardia. L'assessore nega l'evidenza, il sindaco grida al complotto, e il blog di Grillo assicura: “C'è un progetto rivoluzionario”

Il M5s ha un piano quinquennale per i rifiuti a Roma. Occhio ai sabotatori trotzkisti

(foto LaPresse)

L'emergenza rifiuti a Roma è una utile verifica di un governo a cinque stelle. Non si tratta tanto di osservare che quasi un anno può tranquillamente essere considerato un tempo congruo per formulare un giudizio al netto dell'inevitabile rodaggio. Non si tratta nemmeno di ignorare la pesante eredità pregressa. Basta osservare che in undici mesi, che non sono un battito di ciglia, nulla in merito alla gestione dei rifiuti è migliorato, se mai l'impressione è opposta. I rifiuti vengono mandati ad inceneritori, all'utilizzo dei quali la giunta è contraria, in altre parti d'Italia o addirittura all'estero, esattamente come facevano, e ancora fanno, molti grandi comuni diversamente governati. L'operazione ha un costo e tempi non sempre sincronizzati. Oggi la situazione è indiscutibilmente sopra il livello di guardia. Cosa fa la giunta? Ha due tipi di reazione. La prima, infantilmente aggressiva: si nega l'evidenza. L'assessore all'Ambiente ha sostenuto che non c'è nessuna emergenza. L'assessore ha anche recentemente sostenuto di non aver mai visto un topo girando per Roma. L'attendibilità è molto relativa e, a parte questo, la reazione è controproducente. Meglio ritornare allo schema detto "congiura dei frigoriferi" utilizzato agli esordi dalla sindaca. È l'ipotesi del sabotaggio, delle resistenze delle forze che si oppongono alle novità che sicuramente il M5s porterà. Il progetto è bellissimo, assicura il blog di Grillo, e in cinque anni, con l'aiuto dei cittadini, si realizzerà. Dunque abbiamo il piano quinquennale, e se non si realizza sarà colpa dei sabotatori trotzkisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    09 Maggio 2017 - 17:05

    Caro Bordin, decrittiamo: il progetto rivoluzionario sottintende che siano al governo nazionale. Oppure è un grazioso cadeau gratis? Non vi viene da pensare che sia quello, Palazzo Chigi, il progetto rivoluzionario?

    Report

    Rispondi

  • luigi.desa

    09 Maggio 2017 - 14:02

    A fronte alla sfrontatezza del Campidoglio che nega una emergenza rifiuti qualche cittadino ha mandato foto al sindaco .E se la popolanza romana inondasse Raggi di foto edificanti?

    Report

    Rispondi

  • carlo.trinchi

    09 Maggio 2017 - 10:10

    Il piano c'è. Ed e quello austriaco. Cioè quello dove portiamo decine di treni monnezza per smaltire i rifiuti romani. Loro, gli austriaci, convertono la nostra monnezza in energia elettrica e si illuminano d'immenso. A parte i soldi che vogliono per i nostri treni monnezza. Dunque? Dunque cara giunta a 5S capitolina, sono finite le sceneggiate della colpa agli altri. FATE QUI I TERMOVALORIZZATORI. Questo è il messaggio ma siccome siete come gli altri se non peggio cercate soluzioni con gli effetti speciali. Per le soluzioni serie e vere occore tempo ed il tempo vi appanna, vi annulla e forse vi cancella. Se si vedessero progetti per i termovalorizzatori alla tedesca o austriaca sareste salvi. Ma siccome siete italiani sempre e comunque giocate a fare i furbi e, a differenza del passato siete furbi fessi e vi siete "immonnezzati" oltre le orecchie. Questa è la verità cari grillini e le chiacchiere stanno a zero. I comunisti russi facevano i piani quinquennali. Voi dovete fare i fatti

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    08 Maggio 2017 - 21:09

    Bordin, scelga citazioni più semplici. È da stamattina che alla Casaleggio cercano di digitare 'trotzkisti' per scoprire chi siano questi nuovi troll del piddì.

    Report

    Rispondi

Servizi