I motivi sbagliati per esaltare Sigfrido Ranucci

Travaglio ricorda l'"intervista dimenticata" a Borsellino fatta dal conduttore di Report anni fa. Quella sospettata di essere stata manipolata

Report e gli esempi sbagliati di Travaglio

Sigfrido Ranucci

Tra i meriti di Sigfrido Ranucci, il nuovo conduttore di “Report” al centro delle polemiche dopo il servizio televisivo sui vaccini, ieri Marco Travaglio, nel suo editoriale sul Fatto, citava la trasmissione, nel 2001 su Rainews24, dell’ultima intervista televisiva a Paolo Borsellino. L’intervista fu realizzata nove anni prima da due giornalisti francesi per Canal Plus. Rainews la presentò come “l’intervista dimenticata”. A un certo punto i giornalisti chiedevano a Borsellino di una telefonata intercettata fra Marcello Dell’Utri e lo stalliere Mangano in cui quest’ultimo parlava di “cavalli” (droga) da consegnare in un albergo. Quel passaggio fece scalpore, visto che all’epoca era iniziata una indagine, condotta dai pm di Palermo su Dell’Utri e Berlusconi.

 

Solo che Paolo Guzzanti, all’epoca senatore di Forza Italia, dopo qualche tempo dimostrò che la risposta di Borsellino alla domanda su Dell’Utri non era quella montata nell’intervista. Era stato fatto un “taglia e cuci” che traeva in inganno lo spettatore a proposito del parere di Borsellino su quella telefonata citata come fra Dell’Utri e Mangano mentre era fra Mangano e un mafioso del clan Inzerillo.

 

Querelato dai tre giornalisti Rai, fra cui Ranucci, che avevano curato quella trasmissione, Guzzanti venne assolto. La sentenza descrisse la manipolazione come effettivamente avvenuta ma addebitabile a Canal plus. Ci furono poi altre sentenze in sede civile in parte contraddittorie con quella penale ma, in conclusione, se citando quella intervista si voleva esaltare il metodo giornalistico di Ranucci, era meglio scegliere altri esempi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • carlo.trinchi

    20 Aprile 2017 - 22:10

    Ranucci nel vecchio Report. Fanno le inchieste poi dicono che non hanno detto. Critica nei metodi di vaccinazioni di massa mettendo in critica non i vaccini ma il vaccino lasciandovi nel dubbio se fare i vaccini più che bene fa male. D'altronde se non fanno così chi le vede le trasmissioni da scandalo? Le scuse del fraintendimento del giorno dopo non sono banali e furbe, sono puerili.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    20 Aprile 2017 - 17:05

    Il quotidiano falso de Il Falso Quotidiano.

    Report

    Rispondi

  • Andrea

    20 Aprile 2017 - 09:09

    Caro mitico Bordin, il problema del "tagli e cuci" televisivo e cinematografico e non solo, andrebbe affrontato già nelle scuole. p.s. fuori dal seminato, ma soltanto io vedo una somiglianza tra Tomaso Montanari (pres. di "Libertà e Giustizia") e Sigfrido Ranucci (conduttore di "Report")? Non vi sarà mica un disegno?

    Report

    Rispondi

Servizi