Le sconvolgenti novità di Bongiovanni sul caso Moro

Il direttore della rivista Antimafia Duemila non ha dubbi: il delitto Moro sarebbe stato “ideato, studiato ed eseguito da una commistione internazionale"

Le sconvolgenti novità di Bongiovanni sul caso Moro

Foto LaPresse

L’ennesima commissione sul caso Moro ha trovato un estimatore: Giorgio Bongiovanni, personaggio di cui questa rubrica vi ha già parlato più volte. Direttore della rivista Antimafia Duemila, tenuta in gran conto dai dottori Antonio Ingroia e Nino Di Matteo, ma anche leader di una organizzazione religiosa. Sostiene di avere le stigmate, come padre Pio, e di ricevere messaggi della Madonna attraverso extraterrestri che atterrano in astronave per incontrarlo. Non stupisce dunque che scriva che la commissione guidata dal senatore Fioroni abbia fatto emergere “sconvolgenti verità”.

L'antimafia con le stigmate di Bongiovanni, che parla con Gesù, alieni e pm

Chi è il direttore di Antimafia Duemila che, secondo Antonio Ingroia, è un po’ l’organo ufficioso della procura di Palermo. Gli appelli al Csm in sostegno del pm Nino Di Matteo sottoscritti da Marco Travaglio, Luigi Di Maio e tutti quei personaggi dello spettacolo che non vedono nulla di strano nel medium antimafia.

Bongiovanni non ha dubbi: il delitto Moro sarebbe stato “ideato, studiato ed eseguito da una commistione internazionale tra Br, parti deviate dello Stato, servizi segreti, in testa Cia e Kgb, mafia siculo-americana, criminalità organizzata italiana e poteri occulti del Vaticano”. Questa però è solo la verità storica, sostiene lo stigmatizzato. Occorre che diventi verità processuale. Bongiovanni espone sulla rivista da lui fondata come arrivarci. Occorre aprire un nuovo processo per “Attentato a Corpo politico dello Stato”, lo stesso reato contestato nel processo “trattativa” e bisogna arrestare di nuovo tutti i brigatisti in semi-libertà o libertà provvisoria. Resteranno in galera fino a che non avranno confessato la “commistione internazionale”. Del resto che le elucubrazioni sulla “trattativa Stato-mafia” dovessero saldarsi con quelle sui “misteri del caso Moro” era ampiamente prevedibile. I marziani però nessuno li aveva considerati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • seltz357

    seltz357

    25 Marzo 2017 - 21:09

    Bongiovanni si sbaglia: la commistione più che Internazionale sarebbe...Interplanetaria, trattandosi di marziani Ahahaha

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    25 Marzo 2017 - 14:02

    Cialtrone perfetto per un popolo di grillini ignoranti. E la commissione antimafia, giardinetto privato della livorosa Bindi, è a un millimetro dall'aprire una bella inchiesta sulle scie chimiche.

    Report

    Rispondi

  • Giovanni

    25 Marzo 2017 - 14:02

    Sono sicuro che entro breve tempo qualche solerte procuratore accoglierà il suggerimento di Bongiovanni e inizierà una nuova inchiesta che coinvolgerà come probabili accusati molti terrestri e parecchi alieni con l'accusa di "attentato alieno al corpo dello stato".

    Report

    Rispondi

Servizi