La testimonianza di Tullio De Mauro al processo del fratello

In quel dibattito per strada fra due fratelli, raccontato in corte d’Assise, c’è sul serio “la vera storia d’Italia”

Tullio De Mauro

Tullio De Mauro (foto LaPresse)

Tullio De Mauro fu sentito come testimone nel processo in corte d’Assise a Palermo sul rapimento e l’omicidio di suo fratello Mauro. Fu un processo inutile, istruito a più di trent’anni dai fatti, su basi confuse e non poté che portare all’assoluzione dell’unico imputato, Totò Riina. La logica sottesa all’indagine era quella del processo per così dire “storico”, giuridicamente sterile ma giornalisticamente interessante. Un’autentica aberrazione qui più volte criticata. Eppure non si può negare che quella testimonianza di Tullio De Mauro ebbe un momento molto significativo, anche se, processualmente parlando, prossimo all’irrilevanza. Fu quando il professore raccontò di essere andato a cercare suo fratello maggiore a Palermo, dove sapeva che si era nascosto nell’immediato Dopoguerra, pur non avendo più pendenze con la giustizia. Mauro de Mauro era stato “addetto stampa” della X Mas di Junio Valerio Borghese e verosimilmente non si era occupato solo di comunicati, anzi le accuse nei suoi confronti erano terribili e non resta che sperare per lui che fossero, se non infondate, eccessive. Tullio, suo fratello più giovane, studiava a Roma e frequentava i radicali di Pannunzio e l’Unione Goliardica di Pannella. Trovato il fratello, si informò cautamente se avesse modificato le sue idee politiche e raccontò ai giudici che sì, suo fratello le aveva cambiate. Non rinnegava il suo passato ma pensava che, nella nuova situazione, uno come lui dovesse schierarsi con i comunisti. In quel dibattito per strada fra due fratelli, raccontato in corte d’Assise, c’è sul serio “la vera storia d’Italia”. Naturalmente i pubblici ministeri non se ne sono accorti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • gifi44

    09 Gennaio 2017 - 17:05

    Bordin magistrale

    Report

    Rispondi

  • fabriziocelliforli

    09 Gennaio 2017 - 13:01

    Oramai Bordin è un postulato. Chi mai deciderà di mettere mano ad una SERIA, autentica riforma della Giustizia terrena italiana, NON POTRà prescindere da una Sua (perlomeno) consulenza.

    Report

    Rispondi

  • guido.valota

    07 Gennaio 2017 - 19:07

    Bordin for president.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    07 Gennaio 2017 - 11:11

    Magnifico pezzo! L'ultimo libro di Galli Della Loggia documenta che proprio questa è "la vera storia d'Italia". Quanto ai pubblici ministeri, costoro neanche sanno di che si sta parlando.

    Report

    Rispondi

Servizi