Antonio Di Pietro, Virginia Raggi e "il principio di colpevolezza"

Per poter criticare un politico deve esserci l’imprimatur della Procura, il famoso avviso. Dopo, con l’accordo di Grillo, si può drizzare la croce

Raggi

Virginia Raggi (foto LaPresse)

C’è un modo sicuro per degradare ulteriormente il tema del rapporto fra politica e giustizia. Basta rivolgere qualche domanda in merito ad Antonio Di Pietro. Interpellato ieri dalla radio di una università, l’ex pm ha confermato questa semplice regola. Dopo aver premesso che lui sugli avvisi di garanzia ne sa più di tutti, perché “io li ho fatti e li ho ricevuti”, e avere apprezzato la cosiddetta svolta di Grillo, ne ha però preso le distanze a proposito dell’idea del tribunale popolare, anche se, ha concesso “alcune persone, nel fare comunicazione prendono uno stuzzicadenti e lo fanno diventare una trave”. In origine era una pagliuzza, ma non è questo il problema e lo si capisce dall’esempio proposto subito dopo: “Prendete il caso Raggi, crocifissa ancor prima di aver ricevuto un avviso di garanzia”. Ne consegue, secondo logica, che se un giornale fa una campagna stampa sull’inconcludenza del nuovo sindaco, sulle nomine incomplete dopo sei mesi, sugli accordi coi dipendenti comunali e delle partecipate, sul bilancio, sulle foglie che restano per strada, insomma se la stampa fa critiche, magari anche condivise dai lettori, compie una azione ignobile come la crocifissione di Nostro Signore. Per poter criticare un politico deve esserci l’imprimatur della Procura, il famoso avviso. Dopo, con l’accordo di Grillo, si può drizzare la croce. La conclusione del nostro è che “Su Virginia Raggi alcuni media adottano il principio di colpevolezza”. Anche qui, probabilmente voleva dire presunzione di colpevolezza, ma la mutazione di una presunzione, comunque inammissibile, in un principio è un lapsus rivelatore.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fabriziocelliforli

    05 Gennaio 2017 - 19:07

    Ineccepibile come sempre. Mi autorizzo ad usare questo spazio in differita e fuori tema; quindi: doppia aggravante con l'aggiunta del dolo. Desidero complimentarmi per la bellissima riproposizione a notte fonda a Radio Radicale, di quella presentazione del libro sulla giustizia soggettiva extra e contra legem: attualissima. Con Lei e Pannella in grande spolvero. Bravi.

    Report

    Rispondi

  • riflessivo

    05 Gennaio 2017 - 11:11

    Compito di un giornale libero, una stampa libera e democratica ha il diritto-dovere di criticare chiunque e qualsiasi cosa sia ritenuta sbagliata o distorta. Il fatto che si deve criticare soltanto chi ci dà fastidio o non la pensa come noi è un segno inequivocabile che la nostra democrazia è malata. Dobbiamo lottare strenuamente per difendere la democrazia e gli spazi di libertà da tutti i cialtroni, opportunisti politici e non, autoritarismo mascherato e subdolo. Ottimo articolo e che si continui in questa battaglia contro ogni autoritarismo e becero conformismo a senso unico.

    Report

    Rispondi

Servizi