Perché è inutile controbattere alla proposta di Grillo sulla stampa

Il comico propone giurie popolari sorteggiate per verificare l’attendibilità e la correttezza delle notizie a stampa

Beppe Grillo

Beppe Grillo (foto LaPresse)

Ieri l’altro era stata la giornata del garantismo inteso come sistema dove il garante fa come gli pare, ieri c’è stata la scoperta di un nuovo strumento di democrazia diretta, da un comico: le giurie popolari sorteggiate per verificare l’attendibilità e la correttezza delle notizie a stampa. Non è chiaro se il riferimento sia a un tribunale del popolo o a quello di Biscardi, il fatto che i direttori, si è tenuto a precisare, dovranno “stare a capo chino” in attesa della sentenza, farebbe propendere per la prima ipotesi. Quello che pare sicuro è che Grillo voglia più che mai “buttarla in caciara”, come direbbe la sorella della senatrice Taverna, che è la polemista più affilata di tutto il Movimento. A giudicare dalle agenzie di stampa c’è chi, a destra come a sinistra, intende rispondere, controbattere, contro dedurre. Pare francamente eccessivo, un fatica inutile, almeno per due motivi. Intanto perché il sistema dell’informazione è largamente indifendibile. Nel merito si può dire ben poco a suo favore. Quanto al metodo, ormai che altro deve dire Grillo per mostrare quanto tenda a ispirarsi a modelli da stato totalitario? Allora bisogna, stavolta sul serio, denunciare e combattere il rischio della famosa “svolta autoritaria”? Forse sarebbe bene cominciare a parlarne, rovesciando completamente lo schema proposto dai soi disant difensori della Costituzione, ma in ogni caso difficilmente sarà Grillo il vero pericolo per la democrazia. I regimi autoritari si insediano conquistando il consenso con l’efficienza. Non pare proprio il caso della sindaca Virginia Raggi. Bisogna preoccuparsi di quello che verrà dopo costoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • StefanoAMDG

    04 Gennaio 2017 - 12:12

    La democrazia dal basso sta sublimando in democrazia da dietro

    Report

    Rispondi

  • gifi44

    04 Gennaio 2017 - 10:10

    Il livello di maturazione culturale di grillo e basso in maniera impressionante

    Report

    Rispondi

  • mario.patrizio

    04 Gennaio 2017 - 08:08

    Niente affatto peregrina l'idea dell'apripista. Basta dare uno sguardo al passato, per comodità fermiamoci a quello recente. Chi può obiettare che la doppia verità sia stato un tema al centro della polemica politica? Questi sono solo meno sofisticati, se vogliamo più brutali, ma si spiega con l'imbarbarimento introdotto dall'ignoranza di chi non sa ma crede di sapere dei giorni nostri.

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    04 Gennaio 2017 - 07:07

    La proposta di istituire giurie popolari è chiaramente una stupidaggine, come tutto quello che proviene dal mondo grillino. Però è vero che giornali e TV fabbricano notizie false. Capisco anche l'allarme della casta dei giornalisti che con l'espandersi dei social rischiano di perdere il monopolio della produzione di fake news. Ma, andare a lavorare?

    Report

    Rispondi

Servizi