Un episodio disdicevole a Lineanotte

Il problema è stato l'autore del libro. C'era Raffaele Fiengo che ha scritto un libro dedicato al Corriere della Sera, dove è stato redattore e leader del comitato di redazione dalla fine degli anni 70 a metà degli 80

Lineanotte

(foto LaPresse)

A TG3 Lineanotte viene sempre invitato, fra gli altri ospiti, l'autore di un libro in uscita. Immagino serva, in tempi di talk tempestosi, a rasserenare il clima già di per sé molto tranquillo e civile, specie quando conduce Maurizio Mannoni. Non è il regno dell'approfondimento puntuto ma il livello è accettabile, perfino la proverbiale faziosità della rete è ovattata, sorridente. Sono riusciti a costruire qualcosa di unico, una miscela fra un TG, un talk e una sit-com. Senti le ultime notizie, vedi qualche prima pagina del giorno dopo, ascolti qualche parere, ti domandi perché mentre Giovanna Botteri ti racconta gli USA abbia stampato in faccia quello strano sorriso furbo. In parole povere, alla fine è raro che si possa trovare qualcosa di veramente disdicevole. Però talvolta succede. L'altro ieri, per esempio. Il problema è stato l'autore del libro. C'era Raffaele Fiengo che ha scritto un libro dedicato al Corriere della Sera, dove è stato redattore dal 1969 e, soprattutto, leader del comitato di redazione dalla fine degli anni 70 a metà degli 80. Esattamente gli anni in cui la P2 compra la Rizzoli e detta la linea al Corriere. E cosa fa il CdR guidato da Fiengo? Non solo non fa una piega, ma dialoga attivamente con la proprietà, garantendo l'emarginazione dei giornalisti critici, quasi tutti socialisti. Sono anni brevi ma gli accordi sindacali della Rizzoli furono reiterati e molto generosi. Ora, il fatto che Fiengo pontifichi in TV, denunciando "il cuore del potere" ma evitando accuratamente, per quello che lo riguarda, "il cuore del problema", è decisamente irritante. Rivelatore è invece che il libro sia edito da "Chiare Lettere", comproprietari del Fatto quotidiano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • fbrasi72

    05 Gennaio 2017 - 10:10

    Grazie Massimo Bordin per questa opera di decriptazione e di memoria verso certi personaggi che hanno fatto male a questo paese.

    Report

    Rispondi

  • lucafum

    02 Gennaio 2017 - 22:10

    Puntuto, puntuale, competente. Grazie

    Report

    Rispondi

  • gifi44

    02 Gennaio 2017 - 10:10

    Bravo bordin.la ammiro incondizionatamente

    Report

    Rispondi

  • carbuffa

    31 Dicembre 2016 - 16:04

    Complimenti a Bordin Il bozzetto sul TG3 Lineanotte è perfetto; io non sarei mai stato capace di dipingerlo con tanto realismo e tanta finezza, ma corrisponde esattamente alla mia percezione. L'altra notte ascoltavo l'autore del libro citato e mi pareva che qualcosa non tornasse: trovata la causa di tutti i mali del giornalismo, rimedi chiari, denuncia coraggiosa delle ingerenze dei poteri forti. Eppure mi chiedevo come mai io, media mente attento al nostro mondo e lettore di notizie, non fossi a conoscenza di queste verità così scottanti e così chiare. Grazie Bordin per questo bagliore di luce, anche su Lineanotte.Lei è un bravo giornalista e un bravo scrittore.

    Report

    Rispondi

Servizi