L'odio di Angelo Epaminonda per i mafiosi

Lui, catanese, li chiamava “i palermitani” e ne derideva la prosopopea criminale

Angelo Epaminonda

Ho conosciuto Angelo Epaminonda negli anni 80, dopo il suo “pentimento”, quando era già in una sorta di regime di semilibertà. Ieri i giornali hanno dato la notizia della sua morte, superati da poco i settant’anni. E’ morto, come usa dire, per cause naturali. Una fine imprevedibile fino al momento della sua resa e per certi versi anche negli anni successivi quando, cambiata identità per sfuggire a chi lo voleva morto, gestiva un negozio di alimentari in un paese dell’Italia centrale, lontano da Catania, dove era nato, e da Milano, dove era diventato il temuto re delle bische, uccidendo, secondo i conti della legge, almeno una decina di persone. Epaminonda era un gangster, feroce, ma non un mafioso. Anzi i mafiosi li odiava. Quello che mi colpì fu il disprezzo con cui ne parlava. Lui, catanese, li chiamava “i palermitani” e ne derideva la prosopopea criminale. Li considerava potenti parassiti con manie ridicole. Raccontava come da giovane in carcere i capi famiglia lo criticassero perché si presentava in cortile in canottiera e calzoncini. “Un siciliano, qui, non deve presentarsi così” gli dicevano sussiegosi, con la camicia di seta e i pantaloni stirati, ma lui se ne fregava. Uscì, andò a Milano e, conquistate le bische a raffiche di mitra, si mise lo smoking ma non si mischiò con “quelli”, se non per lo stretto necessario. La sua vita, certo non commendevole, non va commemorata, ma è utile a capire come un “romanzo criminale”, perfino quello di un siciliano, non debba essere necessariamente letto in chiave di mafia, suggestivamente intesa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi