IL FOGLIO .it - Direttore Giuliano Ferrara
accesso abbonati
ArchivioCronachette

Se Veltroni li fa Nerozzi

C’è una sola ragione per l’arrabbiatura di Bombassei, il vicepresidente di Confindustria che minaccia l’autarchia degli industriali nella riforma dei contratti. Cgil, Cisl e Uil hanno rinunciato ad approvare la bozza di riforma che pure avevano sul tavolo, questo il motivo. Ma perché tentennano? Semplice. Tentennano perché la Cgil di Epifani è ostaggio dei massimilismi della Fiom, il sindacato dei metalmeccanici guidato dai filorifondaroli Gianni Rinaldini e Giorgio Cremaschi che ha posto un veto. E’ una questione vecchia questa della spaccatura interna alla Cgil: sul welfare, in primavera, quasi quasi provocava la caduta del governo Prodi. Ecco. Il tema è fortemente politico. Il Pd si propone come il partito della sintesi, del compromesso storico tra ragioni del padronato e lotta sindacale: candida Pietro Ichino, ma anche il segretario della Cgil Nerozzi, candida l’operaio della Thyssen ma anche l’imprenditoria semirapace. Ecco. Il tentativo veltroniano (se preso sul serio e non rubricato alla voce “paraculata elettorale”) è quello di egemonizzare la sinistra emarginando i massimalismi bertinottiani e allo stesso tempo conciliare le posizioni della sinistra moderata con i desideri del padronato ragionevole. Se riesce, ragazzi, è un salto nel futuro: una svolta liberale e riformista che non passa dalla decostruzione tatcheriana del sindacato, ma dall’amalgama degli interessi e dalla convergenza in un unico grande partito. Auguri.

di Salvatore Merlo   –   @SalvatoreMerlo

Sito certificato Audiweb

Web Design: Vai al sito di Area Web     Hosting: Vai al sito di Bluservice     Advertising: Vai al sito della divisione WebSystem del Sole 24 Ore