Socialismo digitale

Google licenzia l’ingegnere eretico. Niall Ferguson: “Trump è un dilettante, i nuovi tiranni si trovano a sinistra”

Giulio Meotti

Email:

meotti@ilfoglio.it

Socialismo digitale

La sede Google a Irvine in California (foto LaPresse)

Roma. Prima ci fu il caso di Brendan Eich, il genio creatore di una delle lingue “universali” del web (il Java) e di Firefox, l’amministratore delegato di Mozilla costretto alle dimissioni previa campagna di demonizzazione per aver donato mille dollari alla campagna in favore del “sì” al referendum della California per vietare i matrimoni gay. Charles Krauthammer lo definì “un linciaggio high tech”. Adesso tocca a James Damore, senior software engineer di Google, ingegnere della divisione software con anzianità di...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, REGISTRATI e scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi