Imputazione coatta per Cappato: "Aiuto al suicidio di Dj Fabo"

"Il processo – commenta l'esponente radicale su Facebook – sarà anche l'occasione per processare una legge ingiusta". Una rassegna fogliante con tutto quello che c'è da sapere sul caso

Imputazione coatta per Cappato: "Aiuto al suicidio di Dj Fabo"

Marco Cappato accusato di aiuto al suicidio per la morte di Dj Fabo (foto LaPresse)

Il gip di Milano Luigi Gargiulo ha bocciato la richiesta di archiviazione inoltrata dalla procura meneghina nei confronti di Marco Cappato. Per il giudice l'esponente dei radicali va processato per il reato di “aiuto al suicidio” di Fabiano Antoniani (Dj Fabo) e ha imposto alla procura di formulare un'imputazione coatta, atto che precede una richiesta di rinvio a giudizio. Marco Cappato, si era autodenunciato per aver accompagnato in una clinica Svizzera Dj Fabo a sottoporsi a suicidio assistito. Era successo a fine febbraio, seguendo il protocollo elvetico, dove è legale l’eutanasia, al contrario dell’Italia.

  

Già nel 2015 Cappato aveva fatto lo stesso, autodenunciandosi a Roma per aver aiutato nel medesimo ultimo viaggio la militante radicale Dominique Velati. Non era accaduto nulla.

  

"È ufficiale: sarò processato per l'aiuto a Fabo - commenta l'esponente radicale su Facebook - così ha deciso oggi il giudice. Rispetto la decisione. Il processo sarà anche l'occasione per processare una legge ingiusta". 

Riprendiamo le parole del fondatore di questo quotidiano, Giuliano Ferrara, che sul caso di Fabiano Antoniani scriveva: “La sua tragedia resta nell’ambito della sfera privata della sua coscienza. Se non punisco uomini e donne che hanno preso decisioni abortive dalla notte dei tempi, ma non tollero che la depenalizzazione diventi codificazione di un diritto e agisco perché la notte dei tempi finisca e la modernità laica riconosca la libertà di nascere come problema e mobilitazione morale, è ovvio che non si deve punire chi accetti di eseguire i dettami della coscienza di Dj Fabo, che non è in grado di agire da solo con le sue forze. Ma anche qui, dove è in questione alla fine la privatezza di un comportamento cosciente, non accetto che la depenalizzazione debba diventare forzatamente la codificazione di un diritto e di una cultura eutanasica, nella forma del suicidio assistito per legge. C’è una zona grigia in cui lo stato deve astenersi: né punire né assolvere, lo stato non è una chiesa e non deve trasformarsi nello scudo legale di ditte che sul desiderio di morte costruiscono la loro fortuna ideologica e materiale. Di gente che sfrutta il desiderio per prosperare ce n’è tanta, ed è lecito nella società aperta, ma la morte non è un diritto da soddisfare né una merce, è un’occorrenza tragica che può essere in certe circostanze limitate realizzata su sé stessi senza che una legge di stato, un codice funesto, impedisca o autorizzi alcunché”. 

 

Per approfondire:

La pietà per i suicidi e la differenza tra reato e peccato

I fuochi artificiali alla fine della cerimonia per ricordare Dj Fabo non sono la liberazione di un’anima che ha sopportato una umanamente ingiusta pena, ma l’illuminazione ideologica di un diritto dell’uomo

Nel silenzio più totale la Camera sta introducendo il suicidio assistito

Mentre i media sono concentrati sulle polemiche della maggioranza la legge sul biotestamento prosegue il suo iter. E scivola pericolosamente verso l'eutanasia 

Il medico di Eluana Englaro ci dice che una legge sul fine vita serve

Parla Carlo Alberto Defanti: "La nutrizione artificiale è una pratica medica e come tale può essere sospesa"

“Nella legge sul biotestamento c’è un chiaro orientamento eutanasico”

Il professor Mauro Ronco commenta il testo in discussione alla Camera: "Con la depenalizzazione si va verso un’abrogazione tacita del reato di aiuto al suicidio"

Cosa dice la legge sul testamento biologico

La legge vuole dare ai cittadini il diritto di scegliere a quali trattamenti sanitari essere sottoposti in caso non si fosse più in grado di intendere e di volere

Cosa insegna l’architettura di Sant’Ildefonso a chi ci andrà
per Dj Fabo

Molti hanno storto il naso all’annuncio della funzione religiosa. Curia e parroco precisano che non si tratta di un funerale. Che c'entra il luogo?

Sul fine vita è meglio lasciare le cose come stanno, senza inutili leggi

Biotestamento e questione morale. I confini invalicabili 

Il fine vita e il grande equivoco che confonde l’autonomia con la libertà

Solo una cultura malata può considerare insufficiente a vivere il miracolo dell’amore di Valeria per dieci anni al fianco del suo fidanzato Fabiano

Dj Fabo e la difficoltà di porsi domande sul mistero di un’esistenza che sembrava non avere più senso

Parla padre Vincent Nagle, il cappellano che incontrò Fabiano un anno fa. “Avrei voluto dirgli che su quel letto poteva scoprire ancora tantissime meraviglie”

La libertà di chi sceglie di vivere

Storie di ammalati che hanno detto di no alla morte assistita

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    10 Luglio 2017 - 21:09

    ma cosa fa e come campa san kappato?

    Report

    Rispondi

  • carlo schieppati

    10 Luglio 2017 - 18:06

    Tutto come previsto.

    Report

    Rispondi

Servizi