Lo chiamano fine vita, è eutanasia

Approvata una legge vaga e ambigua. Al Senato ci sarà opposizione?

Lo chiamano fine vita, è eutanasia
Il testo sul fine vita approvato alla Camera confina e sconfina con l’eutanasia. Sconfina apertamente per quel che riguarda l’eutanasia passiva, quella che si determina con la cessazione delle cure e addirittura dell’idratazione e dall’alimentazione artificiali su richiesta anticipata del paziente in base a un principio di libertà di scelta che, proprio perché anticipato, è in sostanza contraffatto, visto che il paziente non è in grado di valutare, nel momento cruciale, le effettive alternative. C’è anche un passo in direzione...

Accedi per continuare a leggere

Se hai un abbonamento, ACCEDI.

Altrimenti, scopri l'abbonamento su misura per te tra le nostre soluzioni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi