Dopo la crociata contro i vaccini la prossima sarà in favore dei placebo etici

E' uscito un volume dal preoccupante titolo “Doctor You”: si prefigura una requisitoria contro l'eccesso di farmaci e in favore dell'autoguarigione

Dopo la crociata contro i vaccini la prossima sarà in favore dei placebo etici

Mi porto avanti e, mentre ancora discutete di vaccini obbligatori, scommetto che il prossimo tumulto della medicina a furor di popolo riguarderà i placebo. Una ricerca condotta congiuntamente a Oxford e a Harvard ha dimostrato che un ragguardevole numero di pazienti trattati con zuccherini a forma di medicinali ha conseguito un netto miglioramento delle proprie condizioni di salute; il caso più eclatante è quello di una signora alla quale sono bastati quattro giorni di pillole vuote per sconfiggere dolori atroci che la tormentavano da anni, e appena ha smesso di prenderle i dolori sono tornati. La novità è che si tratta di placebo etici: mentre il medico non ha diritto di ingannare il paziente spacciando una mentina per medicinale, può invece spiegare al paziente che anziché un medicinale gli prescrive una mentina.

 

La scienza dei dati è la bellezza della medicina (no fake)

Forum col prof. Mantovani, immunologo dell’Humanitas. Ricerca, giovani, ruolo dell’Italia

  

Il fatto è che il dottor Jeremy Howick, filosofo oxoniano specializzato in bioetica, a seguito della ricerca ha annunciato la pubblicazione di un volume dal preoccupante titolo “Doctor You”: si prefigura una requisitoria contro l'eccesso di farmaci e in favore dell'autoguarigione. Ormai non si tratta più di inzuccherare la pillola ma di impillolare lo zucchero. Oxford e Harvard sono nomi autorevoli e di sicura presa nelle ricerche sommarie su internet pertanto scommetto che, fra un anno al massimo, saremo qui a discutere se un paziente abbia diritto di esigere di venire guarito con farmaci finti anziché ingannato con farmaci veri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi