Kate Dillon non si sente né maschio né femmina: agli  Emmy è “miglior attore” e “miglior attrice”?

La distinzione di genere, dal teatro al cinema, ormai non funziona più. La stella di "Billions" propone in pratica di tornare all'età Elisabettiana

Kate Dillon non si sente né maschio né femmina: agli  Emmys è “miglior attore” e “miglior attrice”?

A destra Kate Dillon in "Billions"

Con grande scorno per chi fa una questione di vita o di morte dell'essere chiamata presidenta, o sindaca, o direttora, Asia Kate Dillon è un'attrice che vuol essere chiamata attore. Forse. In realtà la Dillon è un interprete non binario (ossia non s'identifica in nessun genere, pur appartenendo biologicamente a uno) di un personaggio non binario nella serie tv “Billions”. Ora che è tempo di Emmy Awards, la Dillon ha questionato il fatto che i premi prevedano solo due categorie divise per genere, e che quindi si debba essere per forza o miglior attore o miglior attrice senza via di mezzo. L'argomentazione della Dillon è corretta. Il riconoscimento viene identificato per mezzo di una parola (“attore” o “attrice”) che viene convenzionalmente associata a determinati individui ripartendoli in due categorie; fino al Seicento tuttavia la lingua inglese indicava genericamente come “attore” chi calcava le scene, indipendentemente dal suo essere maschio o femmina. Ciò dipendeva dal fatto che fino a poco prima il ruolo di attore era riservato solo ai maschi, per cui una volta accolte sul palcoscenico le femmine si iniziò a designarle con la medesima parola usata per i maschi.

 

In conseguenza di questa rimostranza, si potrebbe approfittare per unificare le categorie: ma a quel punto, se iniziassero a prevalere esponenti di un determinato genere, inevitabilmente sorgerebbe qualcuno a pretendere che venisse istituita una quota di vittorie assicurate per il genere opposto, se non addirittura un premio specifico per il genere trascurato. Non a caso qualche militante cinematografico in passato aveva rivendicato riconoscimenti dedicati a neri o a omosessuali, col coraggio di sentirsi paladino dei diritti anziché discriminatorio nell'isolare queste categorie come il peggior nazista. Va notato del resto che la Dillon, con la sua arguta considerazione filologica, vuole risalire al lungo periodo – fra l'antichità e l'età Elisabettiana – in cui i ruoli femminili dovevano avere interpreti maschili; e sottintende che per recitare in un genere non c'è bisogno di appartenere a quel genere, e che per questo la distinzione fra “miglior attore” e “miglior attrice” è un'etichetta superata. Giusto: pensate a Meryl Streep che fa il rabbino in “Angels in America” e decidete se meriti la palma di grande attrice o di grande attore. Non si capisce però allora come mai per il personaggio non binario in “Billions”, poi assegnato ad Asia Kate Dillon, la produzione abbia ammesso ai provini solo interpreti dichiaratamente non binari: a pensarci, è una discriminazione anche questa. Che fatica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • luigi.desa

    06 Aprile 2017 - 16:04

    mezzo secolo fa l'argomento della mia tesi di laurea in medicina legale suonava " Anomalie nello sviluppo degli organi sessuali e la diagnosi medico-legale di sesso". si può immaginare quanto sono rimasto sconcertato quando è iniziato il chiacchiericcio su i vari sessi .Il mio giudizio sul gossip su i sessi è lapidario ,è una gran rottura di balle ,ma consente a molti di allenare i neuroni facendo un giusto lavoro di divulgazione .Perchè no?

    Report

    Rispondi

  • Nambikwara

    Nambikwara

    06 Aprile 2017 - 15:03

    Ieri, in autostrada ho sostato in autogril. Mi sono detto ma si una bibita quindi ho preso le scale che portano ai bagni; arrivato all'ingresso solo una scritta " Autoaccesso "; scomparse le insegne dei due generi (mio Dio che anticaglie) cosi come anche i classici orinatoi stands up: solo un TRANSPONDER in mezzo e tutto intorno porte con le scritte "Alone" e "Couple". Quindi mi sono posto di fronte al TRANS il quale riconosciutomi solo, ha fatto scattare una porta di un bagno con la scritta alone. All'uscita del bagno ho incrociato un signore con un espressione perplessa, immagino che per lui fosse la prima volta e mi sono avvicinato per spiegargli le nuove modalità , mal me ne incolse poichè il TRANSPONDER rilevando una "coppia" aveva aperto una porta con la scritta couple. Ci siamo guardati increduli poichè l'apertura ci aveva fatto intravedere l'esistenza di 2 water vicini vicini......quando si dice un water politicamente corretto: vale anche per l'attorice.

    Report

    Rispondi

    • Nambikwara

      Nambikwara

      07 Aprile 2017 - 08:08

      La fretta di scrivere fa fare errori: quindi, correggendo ".., immagino che per lui sia la prima volta e mi avvicino per spiegargli le nuove modalità,....'' oppure " immaginavo...." comunque sorry.

      Report

      Rispondi

Servizi