Troppi grecismi sulla ragazza sfregiata con l’acido a Rimini

Cosa non torna dell'intervento di Eva Cantarella sul Corriere della Sera

Troppi grecismi sulla ragazza sfregiata con l’acido a Rimini

Gessica Notaro (foto LaPresse)

Dai libri di Eva Cantarella ho imparato molto, perfino in cosa consistesse la pratica della raphanidosis. Nell'antica Atene la radice di rafano veniva utilizzata per punire gli adulteri (intuirete come) ma solo se maschi; le fedifraghe venivano tralasciate dalla legge poiché considerate sempre vittima di seduzione. A dire il vero imparo qualcosina anche dai suoi articoli.

 

Oggi ad esempio spiega sul Corriere che un anonimo epigono di Anacreonte aveva elencato in un'ode le caratteristiche di quadrupedi e bipedi: a ciascuno ne era infatti stata assegnata una, ai tori le corna, ai leoni i denti, ai pesci le pinne, agli uomini il senno e alle donne la bellezza. A me che non sono un grecista sembra solo una galanteria malriuscita, mentre la Cantarella scorge in questi versi la rivelazione di una “antica concezione proprietaria del rapporto amoroso […] rimasta purtroppo nella mentalità di alcune sacche della popolazione maschile”. Parte infatti dalla poesia per commentare la storia della miss romagnola sfregiata con l'acido: la bellezza è tutto quello che una donna possiede, pertanto “con la sua bellezza lo sfregiatore cancella anche la donna che lo ha lasciato”. È un'ipotesi suggestiva e affascinante, questa sulle sacche anacreontiche della popolazione maschile. Bisogna solo andare a spiegarla all'ex fidanzato di quella ragazza milanese condannata a dodici anni per averlo fatto aggredire con l'acido, qualche tempo fa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • GianniM

    13 Gennaio 2017 - 11:11

    Negli ultimi anni sono stati sfigurati dalle ex numerosi uomini: Daniele Capri, William Pezzullo, Pietro Barbini (oltre a Stefano Savi, sfigurato "per errore" dalla ex di Barbini). Eppure si è parlato a lungo solo di Lucia Annibali... Io pensavo che questa attenzione fortemente sbilanciata fosse dovuta a un certo conformismo dei media, che da anni portano avanti una campagna culturale anti-maschile. Ma mi sbagliavo: era una forma di "anacreontismo", che considera la bellezza qualità essenziale di una donna, e quindi una donna sfigurata molto più degna di attenzione mediatica. Lo stesso "anacreontismo" di cui sembra soffrire anche Eva Cantarella...

    Report

    Rispondi

Servizi