Quelli che rispondono "No" alla domanda: "Sei un ragazzo o una ragazza?"

Che cosa direbbe oggi Samuel Beckett a quella persona che in un video della Bbc fa una lunga spiegazione su quanto sia "fuori moda" definire il genere dal sesso

gender

(foto di Aimee Ardell via Flickr)

Quando un giorno a Parigi gli domandarono se fosse inglese, Samuel Beckett rispose “Au contraire” e tirò dritto; era un modo per spiegare con molta intelligenza e senza perdersi in dettagli che era nato in Irlanda e scriveva in francese. Adesso invece un video diramato dalla Bbc mostra una persona che alla domanda “Sei un ragazzo o una ragazza?” risponde con tutta una spiegazione. Si dichiara non-binaria, rivela che definire una persona in base al sesso è fuori moda, spiega che “il genere è nel cervello mentre il sesso fisico è una cosa completamente diversa e ha a che fare con la sfera privata di ogni individuo”; deduce scandalizzata che una domanda del genere equivale a chiedere “Come sono i tuoi genitali?”, culmina infine nell'esortazione: “Alla gente non deve importare in quale scheletro di carne viva sei nato, è ciò che senti a definire chi sei”.

Sessista sarà lei

“By the pussy”, pregiudizio odioso. A cui nessuno, maschio o femmina in modi diversi, riesce a sfuggire. Qualunque gruppo sociale o sessuale nutre una qualche avversità e molti pregiudizi nei confronti dell’altro da sé. Per quale motivo le ragazze americane hanno il diritto di chiamarsi fra loro “slut” e “bitch”, cioè puttana e stronza?

Mi sono chiesto cosa sarebbe rimasto dell'aneddoto su Beckett se, alla domanda sulla propria nazionalità, avesse risposto: “Mi dichiaro non-nazionale. Definire una persona in base alla geografia è fuori moda: la patria è nel cervello, mentre la residenza è una cosa completamente diversa che ha a che fare con la sfera privata di ogni individuo. Una domanda del genere equivale a chiedere come sono i tuoi antenati. Alla gente non deve importare quale passaporto di carta ti è capitato in tasca, è ciò che senti a definire chi sei”. Il rammarico è che all'inizio del video la persona a cui viene chiesto “Sei un ragazzo o una ragazza?” risponde opponendo un brillante “No”: se il video si fosse interrotto lì, non avrei avuto un altro motivo per credere che a un certo punto, verso il cambio di secolo, l'intelligenza dev'essere andata esaurita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi