Cosa rende gli scienziati più credibili dei romanzieri?

Come nascono i santini di Astrosamantha e Veronesi spiegato dalla storia del chimico Gilbert Newton Lewis

 

Cosa rende gli scienziati più credibili dei romanzieri?

Gilbert Newton Lewis

Il mio problema con la scienza è che non riesco a praticare la sospensione dell'incredulità. C'è chi ignora i romanzi perché fatica a fidarsi dell'inverosimiglianza dei personaggi, ci sono io che ignoro la chimica perché fatico a fidarmi dell'inverosimiglianza degli elettroni. Ma fin qui è un mio limite; i guai sorgono quando la scienza si erge a misura dell'etica. Gli scienziati detengono un sapere tecnico, coerente ma iniziatico; poiché questo sapere è volto al beneficio del genere umano, ne deducono che il beneficio del genere umano coincida col loro sapere tecnico e, detenendolo in modo esclusivo, ambiscono a farsi arbitri del bene e del male. Il popolo ci casca, crede che i ricercatori siano un modello etico e così proliferano santini da Astrosamantha a Veronesi.

Rovelli, scienziato ateo perché credere in Dio non gli piace

Il fisico spiega sul Corriere i motivi per cui non è credente. Con motivazioni alquanto singolari

C'è voluto un chimico romanziere, Piersandro Pallavicini, per dirozzarmi: dal suo “La chimica della bellezza” (Feltrinelli) ho appreso la storia di Gilbert Newton Lewis, che dal 1922 alla morte è stato candidato al Nobel per la Chimica in ragione di scoperte avanti di decenni rispetto ai colleghi. Lewis non ha mai vinto perché sulle prime non si era capito che le sue idee fossero giuste; poi perché, permaloso, s'era inimicato l'American Chemical Society che aveva osato respingergli un articolo; poi perché, paranoico, aveva sprecato un anno a cercare errori nel manuale di chimica teorica del rivale Walther Nernst; poi perché in un saggio aveva criticato Svante Arrhenius e allora questi aveva presentato al comitato del Nobel un giudizio su Lewis pieno di grossolane menzogne; infine perché fu osteggiato dagli allievi dei suoi nemici, troppo pavidi per riconoscere la grandezza di Lewis a discapito dei propri protettori. Questi sono gli scienziati: cosa dovrebbe renderli più credibili di un romanziere? O di un prete?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • voltaire

    voltaire

    10 Dicembre 2016 - 16:04

    Cioè che rende gli scienziati tali è il fatto che nell'ambito della scienza quello che dicono si può verificare. Questo, in un epoca in cui ognuno si erge a giudice di tutti gli altri senza avere spesso la minima conoscenza di quello che giudica o di quello che scrive può essere utile. Il fatto che ci siano degli scienziati che si possano comportare come delle prime donne, non toglie alla scienza la sua validità. Non credo che ci siano scienziati in quanto tali che pretendano di dare insegnamenti agli altri sull'etica, se non termini di poter essere portavoce di un metodo, quale quello scientifico, che può essere utile anche per analizzare i nostri comportamenti etici o per individuare alcuni percorsi che ci possano condurre ad un vita con maggiore contenuto etico.

    Report

    Rispondi

  • lupimor@gmail.com

    lupimor

    30 Novembre 2016 - 00:12

    Cosa? Il lemma "Scienza". In sé, di per sé: a prescindere. Esempio: Marx e Engels definirono il loro socialismo "scientifico" Mai ossimoro fu più deviante.

    Report

    Rispondi

  • m.dimattia

    29 Novembre 2016 - 19:07

    Strano. Avrei detto Gurrado, in quanto, egli, credente, perfettamente in grado di praticare la sospensione dell'incredulità. Anche permanente. Anche parecchio. Gli scienziati sono credibili perché quello che fanno funziona.

    Report

    Rispondi

  • GianmarcoOlivé

    GianmarcoOlivé

    29 Novembre 2016 - 18:06

    Come sempre, grandioso!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi