Rovelli, scienziato ateo perché credere in Dio non gli piace

Il fisico spiega sul Corriere i motivi per cui non è credente. Con motivazioni alquanto singolari

Rovelli

Carlo Rovelli (foto di Wikipedia)

Carlo Rovelli, insigne fisico, non crede in Dio perché gli piace parlare alle piante. Ammetto di averla messa giù un po' troppo drastica pertanto riporto la sua argomentazione in modo meno sintetico. In un elzeviro sul Corriere, Rovelli spiega il proprio ateismo derivandolo dal fatto che non gli piacciono quelli che si comportano bene per timore di finire all'inferno, ma quelli che si comportano bene perché amano comportarsi bene; né gli piacciono quelli che sono buoni per piacere a Dio ma quelli che sono buoni perché sono buoni. E così via: non gli piace sentirsi in comunione con chi sta zitto in chiesa ma sentirsi in comunione guardando negli occhi gli amici, non gli piace emozionarsi perché Dio ha creato la bellezza della natura ma emozionarsi perché la natura è bella, non gli piace chiudersi nel silenzio e pregare Dio ma chiudersi nel silenzio e ascoltare le profondità infinite del silenzio, non gli piace chi si rifugia fra le braccia di una religione ma chi accetta il vento della vita. E così via: tutta una fitta colonna per dirci che non crede in Dio perché gli piace chi si dedica al prossimo, gli piace svegliarsi al mattino e guardare il mare, gli piacciono le stelle, gli piace parlare con le piante. In sintesi, Carlo Rovelli spiega dettagliatamente di non credere in Dio perché credere in Dio non gli piace, ed è una motivazione a dir poco singolare su cui radicare la superiorità della scienza sulla fede.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • maurizio guerrini

    maurizio guerrini

    05 Dicembre 2016 - 06:06

    Splendidi cervelli eterei, senza radici! Ma scusate, con un nome come il suo, cos'altro poteva dire?

    Report

    Rispondi

  • lorenzolodigiani

    28 Novembre 2016 - 22:10

    C'e' bisogno di dare una spiegazione del perché non si crede in Dio?

    Report

    Rispondi

  • GianmarcoOlivé

    GianmarcoOlivé

    28 Novembre 2016 - 20:08

    Bisogna rassegnarsi, viviamo l'epoca del "mi piace". Amen

    Report

    Rispondi

  • info

    28 Novembre 2016 - 19:07

    Deve essere l’anima di Margherita Hack che dopo aver svolazzato per mezza Italia ha varcato il confine per raggiungere Marsiglia. Dopo aver vagato per La Cité radieusee ha intravisto un geniale conterraneo intento a guardare il mare, il cielo e le piante, e ha deciso di incarnarsi… trallalero, trallalà.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Servizi