Il silenzio stampa dell'Italia del Mundial sul referendum

Il voto del 4 dicembre pare abbia spaccato anche il gruppo che vinse i Mondiale dell'82 e che fece della coesione la sua arma segreta per vincere la Coppa del Mondo

Il silenzio stampa dell'Italia del Mundial sul referendum

Oppositori del referendum (foto LaPresse)

Si spacca l'Italia del Mundial, leggo in prima pagina su Repubblica. Corro pertanto subito al reportage nelle pagine interne, domandandomi cosa mai possa avere spinto a litigare la nazionale campione del mondo del 1982, cosa possa avere diviso il gruppo che dalla notte di Madrid fu additato a modello di rettitudine e fermezza, coesione e serietà; quegli stessi eroi unitissimi nel portare in trionfo Enzo Bearzot appena vinto il titolo iridato, e portarlo nuovamente in trionfo undici anni dopo alla vittoria di un torneo amichevole per ex calciatori, e ancora nel 2010, ingrigiti alfine, portarne in trionfo la bara nel giorno del funerale. Causa del contendere è, apprendo, il referendum: si avvicina il 4 dicembre e la squadra si dilania riguardo alla decisione di Collovati e Tardelli, che apertamente appoggiano il Sì.

 

Il centrodestra e il manifesto per il Sì

Cosa riscoprirà Berlusconi rileggendo il suo gran discorso del 1995, che con ventun anni di anticipo intuì quali erano i limiti del sistema istituzionale italiano.

Chissà quanti per il No, mi dico, e leggendo l'articolo percorro ordinatamente i volti della formazione schierata in posa prima del fischio d'inizio della finalissima contro la Germania Ovest. Zoff non dichiara il voto. Graziani non risponde. Bergomi è indeciso. Scirea ci ha fatto piangere tantissimo morendo in Polonia un quarto di secolo fa. Gentile non risponde. Bruno Conti e Paolo Rossi sono indecisi. Oriali non risponde. Cabrini (che nel frattempo è stato anche iscritto all'Italia dei Valori) non dichiara il voto. Terminata la ronda, mi ricordo che nell'82 l'Italia vinse il Mondiale dopo avere indetto un impenetrabile silenzio stampa; richiudo Repubblica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Nambikwara

    Nambikwara

    24 Novembre 2016 - 11:11

    Un altra piccola riprova, se ce ne fosse ancora bisogno, di come il referendum stia spaccando l'Italia: ne valeva la pena? Considerando che una piccola percentuale dei votanti "entra" nei meandri tecnici e comunque, alcuni, contraddittori (vedi Senato) oggetto del Referendum. E' stato, io credo e tutto sommato, un azzardo nei tempi e nei modi: alcune priorità economiche per il Paese attendono e si poteva includere il Referendum come campagna elettorale per la scadenza del 2018.

    Report

    Rispondi

Servizi