Gesù alla partita di calcio tra cattolici e protestanti

La metafora di Papa Francesco sulla questione dell'ecumenismo e il libro di Anthony De Mello

Religione

Foto di Keoni Cabral via Flickr

Nella lunga e bella intervista a Stefania Falasca uscita su Avvenire, Papa Francesco affronta dettagliatamente la questione dell'ecumenismo e poi la comprime in una metafora: “La Chiesa non è una squadra di calcio che cerca tifosi”. Allora mi sono ricordato che da ragazzino avevo trovato illuminante una pagina di un libro di Anthony De Mello, tanto che ancora oggi posso citare la storiella a memoria o almeno spero. Gesù va a vedere una partita di calcio fra cattolici e protestanti e, nel primo tempo, segnano i cattolici. Gesù esulta. Nel secondo tempo, i protestanti pareggiano e Gesù esulta di nuovo. Uno spettatore lo nota e fra sé e sé commenta: “Mah, un ateo”.

 

Caro Papa ti scrivo

Dottrina in dubbio, lettera cardinalizia a Francesco. Che non risponde.

 

È una pagina che mi sembra sintetizzare alla perfezione l'attorcigliata contraddizione fra dottrina e fede, per tre motivi. Anzitutto, perché De Mello era gesuita come Bergoglio. In secondo luogo perché, una ventina d'anni fa, le posizioni di De Mello sono state dichiarate incompatibili col cattolicesimo da una nota della Congregazione della Dottrina della Fede (si riconosce lo stile dell'allora cardinale Ratzinger, che lo accusa di “apofatismo radicale”). Infine, perché il libro di De Mello me l'aveva passato un prete come regalo per la prima comunione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Commenti all'articolo

  • Jack McGuire

    21 Novembre 2016 - 12:12

    Allora non sono il solo credente inconsistente fai da te. Ho compagnia, e lo sapevo.

    Report

    Rispondi

  • ghespo

    19 Novembre 2016 - 12:12

    Ebbene e i risultati si vedono ...

    Report

    Rispondi

Servizi