Stefano Cingolani

Nato nel bel mezzo del secolo scorso a Recanati, è tornato alla luce in seguito a recenti scavi. Dopo tanto girovagare per giornali (L’Unità, Il Mondo, Corriere della sera, Il Riformista) e città (Milano, New York, Parigi), in cerca di stimoli e affetti, ha trovato al Foglio il rifugio agognato. Ha scritto “Le grandi famiglie del capitalismo italiano” e “Guerre di mercato”. Sopraffatto dalla colpa per non essere riuscito ad assicurare un futuro certo alla figlia maggiore e per non fare i compiti con quella minore, passa il tempo tra l’impero romano-cristiano e la terza globalizzazione (prima o poi riuscirà a spiegare entrambi?). Va al mare sul Baltico, ma vorrebbe essere sul Patna con Lord Jim o a Long Island con Jay Gatsby.

Trovati 350 risultati

Perché nell'operazione salva banche di Intesa San Paolo manca la variabile "mercato"
I giganti del supermarket
In Italia è tempo di svendite
I quattro cantoni di Padoan
Angela, l'anti Trump
Cosa ci dice sull'Italia l’ottimismo realista di Visco
Chi è Jens Weidmann, il guardiano tedesco
Banche da ballo
Effetto Francia sul Corriere della Sera
Una lunga catena di Alitalie
Perché l’allarme sulla disoccupazione giovanile è una truffa
Rothschild a Parigi
Il mal di Francia
Una nuova Italia da bere

Multimedia

Servizi