Mauro Zanon

Nato a una manciata di chilometri da Venezia, nell’estate in cui Matthäus e Brehme sbarcarono nella parte giusta di Milano, abbandona il Nord quando la Lega era ancora celodurista e un ex avvocato del Cav. vinceva le elezioni francesi. Si laurea in lettere a Roma con una tesi sul cinema francese e la guerra d’Algeria, prima di trasferirsi a Parigi, dove conta di trascorrere tutta la sua prima vita terrena (crede nella metempsicosi). Ama i film di Dino Risi, le poesie di Jacques Prévert, le canzoni degli Smiths, le esultanze di Mourinho, il gelato ai mirtilli e le cotolette alla milanese. È orgogliosamente interista (corrente romantico-morattiana). Per Il Foglio, scrive di Francia e pariginismi. Collabora inoltre con il mensile francese Causeur.

Trovati 310 risultati

Nell'ultima querelle sull'"impostore" Bhl c'è la faida (insanabile) tra due sinistre
Perché si è dimesso il capo dell'esercito francese
Macron, Netanyahu e la deportazione degli ebrei francesi
Così Macron vuole fare l'amico (unico) di Trump in Europa
Il suicidio del "petit juge" e il delitto che da trent'anni tormenta la Francia
A Parigi va in onda la censura contro gli intellettuali dissidenti
Nasce una nuova Francia forte, con due nei e un rischio
Cuori e sondaggi stellari per Macron. Chi piange di più tra i rivali?
Un uomo ha aggredito un poliziotto a Notre-Dame
Macron neoeuropeo
"Dopo la Francia, cambierò l’Europa”. Il Foglio intervista Emmanuel Macron
Macron e i bravi ragazzi
Macron in Francia nomina un primo ministro di destra e fa nascere il Parti de la nation
L'assillo di Marine Le Pen: rifondare il Front senza perdere l'identità

Multimedia

Servizi