Mauro Zanon

Nato a una manciata di chilometri da Venezia, nell’estate in cui Matthäus e Brehme sbarcarono nella parte giusta di Milano, abbandona il Nord quando la Lega era ancora celodurista e un ex avvocato del Cav. vinceva le elezioni francesi. Si laurea in lettere a Roma con una tesi sul cinema francese e la guerra d’Algeria, prima di trasferirsi a Parigi, dove conta di trascorrere tutta la sua prima vita terrena (crede nella metempsicosi). Ama i film di Dino Risi, le poesie di Jacques Prévert, le canzoni degli Smiths, le esultanze di Mourinho, il gelato ai mirtilli e le cotolette alla milanese. È orgogliosamente interista (corrente romantico-morattiana). Per Il Foglio, scrive di Francia e pariginismi. Collabora inoltre con il mensile francese Causeur.

Trovati 327 risultati

Il progetto di legge antiterrorismo mette alla prova il governo Macron
Gli “oboli d'oro" allo Stato Islamico che preoccupano il  Quai d’Orsay
Gonne di Francia
L'ultimo grande richiamo di Sifaoui all'insubordinazione contro l'islamismo
Benvenuti a Saint-Denis, islam Island
Addio a Pierre Bergé e alle sue frasi urticanti
Ad Atene Macron risveglia l'Europa (con Carrère embedded)
La copertina di Charlie Hebdo su Barcellona smaschera il bigottismo dei “Je suis Charlie”
Una ong senza saperlo ha aiutato i terroristi del Bataclan a Parigi
Il ceo di Francia
Un paese di nome Brigitte
Olimpiadi e Brexit. Così la sindaca di Parigi sfrutta l'occasione per il rilancio
Il Qatar usa Neymar e il Psg per rifarsi il trucco davanti al mondo
Liberali e gollisti si può? Macron dice sì, e pensa alle privatizzazioni

Multimedia

Servizi