Alberto Brambilla

Alberto Brambilla

Nato a Milano il 27 settembre 1985, ha iniziato a scrivere vent'anni dopo durante gli studi di Scienze politiche. Smettere è impensabile. Una parentesi di libri, arte e politica locale con i primi post online. Poi, la passione per l'economia e gli intrecci - non sempre scontati - con la società, al limite della "freak economy". Prima di diventare praticante al Foglio nell'autunno 2012, dopo una collaborazione durata due anni, ha lavorato con Class Cnbc, Il Riformista, l'Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI) e il settimanale d'inchiesta L'Espresso. Ha vinto il premio giornalistico State Street Institutional Press Awards 2013 come giornalista dell'anno nella categoria "giovani talenti" con un'inchiesta sul Monte dei Paschi di Siena.

Trovati 685 risultati

Perché il populismo non si argina con il Partito Unico della Spesa Pubblica
Perché la vittoria di Merkel può facilitare la creazione di "campioni europei"
A Venezia si prepara l'ultima grande crociera del Carnevale dei No
Perché la Germania non deve preoccuparsi per i superstimoli di Draghi
La bassa produttività del lavoro è la minaccia per un'Europa sempre più vecchia
La  “svolta europeista” di Di Maio e Salvini è propaganda ma dissolve il “fronte sovranista”
Visti dall'Istat
Amnesia e solitudine. Comincia a fare freddo sull'Isola di May
Il nuovo ceo può risollevare Uber dopo perdite e scandali?
La redenzione di Uber e della Valley si chiama Khosrowshahi
Il dogma percepito
L'avventura europea di Etihad finisce con il crac di AirBerlin
Le virtù del motore tedesco
Non solo Mps, perché le banche italiane sono a un "reset" dopo le turbolenze

Multimedia

Servizi