Speciale online flash 11:45

Gli accademici mettono a tacere Hirsi Ali

La dissidente islamica ed ex parlamentare olandese Ayaan Hirsi Ali, icona della libertà di parola e di espressione, avrebbe dovuto ricevere una laurea honoris causa dalla prestigiosa Brandeis University di Boston. Ma una massiccia petizione online e le proteste degli accademici liberal hanno costretto l’ateneo a fare marcia indietro e a ritirare il riconoscimento. L’establishment universitario riesce dunque a mettere a tacere la sceneggiatrice di “Submission”, il film che costò la vita a Theo van Gogh, riuscendo laddove gli islamisti di tutto il mondo avevano finora fallito.

Gli accademici mettono a tacere Hirsi Ali

La dissidente islamica ed ex parlamentare olandese Ayaan Hirsi Ali, icona della libertà di parola e di espressione, avrebbe dovuto ricevere una laurea honoris causa dalla prestigiosa Brandeis University di Boston. Ma una massiccia petizione online e le proteste degli accademici liberal hanno costretto l’ateneo a fare marcia indietro e a ritirare il riconoscimento. L’establishment universitario riesce dunque a mettere a tacere la sceneggiatrice di “Submission”, il film che costò la vita a Theo van Gogh, riuscendo laddove gli islamisti di tutto il mondo avevano finora fallito. Una straordinaria donna di colore, una musulmana dalla Somalia, che ha rischiato tutto per essere libera e che ha trasformato la sua vita in un pegno di quella libertà, non potrà dunque prendere la parola nel paradiso del pluralismo americano, il Massachusetts.

[**Video_box_2**]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi