Speciale online flash 10:40

Francesco ha deciso: lo Ior non chiuderà

Lo Ior non chiuderà. La decisione è stata presa dal Papa, che ha approvato una "proposta sul futuro dell'Istituto per le opere di religione". Francesco – così recita il comunicato diffuso dalla Sala stampa della Santa Sede – ha riaffermato "l'importanza della missione dello Ior per il bene della chiesa cattolica, della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano". La proposta che il Papa ha condiviso "è stata sviluppata congiuntamente da rappresentanti della Pontificia Commissione referente sullo Ior, della Pontifica Commissione referente di studio e di indirizzo sull'organizzazione della struttura economico-amministrativa della Santa Sede, della Commissione cardinalizia dello Ior, e del Consiglio di Sovrintendenza dello Ior".

Francesco ha deciso: lo Ior non chiuderà

Lo Ior non chiuderà. La decisione è stata presa dal Papa, che ha approvato una "proposta sul futuro dell'Istituto per le opere di religione". Francesco – così recita il comunicato diffuso dalla Sala stampa della Santa Sede – ha riaffermato "l'importanza della missione dello Ior per il bene della chiesa cattolica, della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano". La proposta che il Papa ha condiviso "è stata sviluppata congiuntamente da rappresentanti della Pontificia Commissione referente sullo Ior, della Pontifica Commissione referente di studio e di indirizzo sull'organizzazione della struttura economico-amministrativa della Santa Sede, della Commissione cardinalizia dello Ior, e del Consiglio di Sovrintendenza dello Ior". Il documento è stato presentato a Francesco dal prefetto della neonata Segreteria per l'Economia, il cardinale George Pell, con il consenso del cardinale Santos Abril y Castelló, presidente della Commissione cardinalizia dello Ior.

[**Video_box_2**]

Francesco ha così stabilito che "lo Ior continuerà a servire con attenzione e a fornire servizi finanziari specializzati alla chiesa cattolica in tutto il mondo". I "significativi servizi" che possono essere offerti dall'Istituto – aggiunge la nota – "assistono il Santo Padre nella sua missione di pastore universale e supportano inoltre istituzioni e individui che collaborano con lui nel suo ministero".

Confermato anche l'attuale presidente, Ernst von Freyberg che – con il management dello Ior – porterà a termine il "piano al fine di assicurare che lo Ior possa compiere la sua missione come parte delle nuove strutture finanziarie della Santa Sede e dello Stato della Città del Vaticano". A supervisionare sulle attività dell'istituto con sede nel quattrocentesco torrione di Niccolò V sarà ancora l'Autorità di Infromazione finanziaria.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Il Foglio

Caratteri rimanenti: 1000

Servizi